Glicemia e colazione
Chi fa colazione presto aiuta la glicemia e il metabolismo

4.6 | 8 voto/i

Diventerà un consiglio per prevenire il diabete o per chi tende alla glicemia alta? Secondo una ricerca Usa chi consuma la colazione prima delle 8,30 ha un migliore controllo della glicemia e dell’insulina, a tutto vantaggio della salute metabolica

Buone notizie se siete dei tipi mattinieri, specie se avete la tendenza ad avere la glicemia alta. Arrivano direttamente dall'ENDO 2021, l'incontro annuale della Endocrine Society, l’associazione scientifica degli endocrinologi che quest’anno si è tenuto on line. L’obiettivo dei ricercatori USA è stato quello di valutare l'esistenza di un rapporto tra controllo della glicemia e il cosiddetto digiuno intermittente, ossia quello stile alimentare che prevede di consumare tutti i pasti di una giornata in un determinato arco di ore. Studi precedenti avevano, in effetti, già scoperto che mangiare in un arco di tempo limitato poteva portare a un miglioramento della salute metabolica, glicemia compresa.

Tre finestre alimentari diverse

I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre diecimila adulti partecipanti a uno grande studio di popolazione USA (National Health and Nutrition Examination Survey). Hanno diviso i partecipanti in tre gruppi a seconda della durata totale di ore nei quali consumavano i loro pasti ogni giorno: ossia meno di 10 ore; tra le 10 e le 13 ore; più di 13 ore. Hanno, quindi, creato dei sottogruppi in base all'ora di inizio della durata del primo pasto del giorno: prima o dopo le 8,30 del mattino.

Quindi hanno cercato delle associazioni per determinare se la durata delle finestre alimentari potesse influenzare i livelli di glicemia a digiuno (ossia la glicemia basale misurata normalmente nei test sanguigni) e anche la resistenza all'insulina, una condizione legata a un cattivo controllo della glicemia e perciò anche al diabete. La resistenza all'insulina, infatti, si verifica quando il corpo non risponde bene all'insulina prodotta dal pancreas e il glucosio è meno in grado di entrare nelle cellule e perciò resta in circolo nel sangue. Le persone con resistenza all'insulina possono essere a maggior rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e altri disturbi del metabolismo (sovrappeso compreso). Insomma, una condizione che sarebbe bene evitare.

Ebbene i livelli di glicemia basale non differivano in modo significativo tra i partecipanti dei tre gruppi diversi, mentre sono emerse alcune differenze riguardo la resistenza all'insulina. Che era maggiore in chi aveva un intervallo di tempo “a digiuno” più breve, ma che risultava inferiore in tutti i gruppi che facevano colazione prima delle 8,30.

Abbiamo scoperto che le persone che mangiavano all'inizio della giornata avevano i livelli di zucchero nel sangue più bassi e una minore resistenza all'insulina, indipendentemente dal fatto che limitassero l'assunzione di cibo a meno di 10 ore al giorno o che l'assunzione di cibo fosse distribuita su più di 13 ore al giorno” ha spiegato Marriam Ali della Northwestern University di Chicago, ricercatore capo dello studio in questione.

In altre parole, i risultati dello studio suggeriscono che mangiare presto al mattino risulta il modo più efficiente per aiutare la salute del metabolismo rispetto al digiuno intermittente. Vabbè, domani anticipiamo la sveglia…

 

4.6 | 8 voto/i

Chi fa colazione presto aiuta la glicemia e il metabolismo - Ultima modifica: 2021-03-28T15:44:10+02:00 da Barbara Asprea
Chi fa colazione presto aiuta la glicemia e il metabolismo - Ultima modifica: 2021-03-28T15:44:10+02:00 da Barbara Asprea

2 COMMENTI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome