Dieta mediterranea
Covid-19: una dieta che protegge

covid-19
3.5 | 4 voto/i

Capperi, cipolle, arance? Vitamina C, vitamina D? Scopriamo con la dottoressa Marina Ottaviani, medico nutrizionista, che cosa c’è di verificato nelle tantissime notizie riguardo il rapporto tra cibo e virus del Covid-19

Sul rapporto tra il Covid-19 e l’alimentazione si sono lette moltissime cose, nell’ultimo anno. Consigli generici, altri più mirati, a volte però rivelatesi non supportati dagli esperti. Le ricerche in corso sono moltissime ed è difficile tirare già le fila, ma abbiamo voluto provare con la nostra Marina Ottaviani, medico nutrizionista, a selezionare quanto c’è di accertato, al momento, su questo tema così importante e attuale. Per verificare ancora una volta che molti capisaldi dell’alimentazione naturale sono alla base anche di una dieta più protettiva.

Tutto quanto trovate in questo servizio è frutto di ricerche scientifiche.

Esiste un rapporto malattia-stile alimentare?

Tanti studi si sono fatti in questo senso sui casi più gravi e un elemento collegato allo stile alimentare sono le patologie concomitanti che possono aggravare l'andamento della malattia. L'Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato una statistica da cui risulta che tutti possono ammalarsi con questo virus ma le complicanze sono più frequenti quando sono presenti altri fattori, tra cui ipertensione, diabete, cardiopatie ischemiche, tumori, obesità. E numerosi studi sembrano confermare questi risultati.

C'è una dieta più adatta per mantenersi in salute durante la pandemia?

Non si pone l'accento su un nutriente o un cibo in particolare, quanto su uno stile di dieta sana che ricorda tanto i consueti insegnamenti della Dieta mediterranea.

La revisione Dietary recommendations during the COVID-19 pandemic esamina le raccomandazioni di vari enti (per l’Italia SIN e SINU). Queste le conclusioni.

  • I nutrienti chiave che supportano il sistema immunitario possono essere ottenuti attraverso componenti dietetici che includono cibi freschi (come frutta e verdura), pesce, carne magra, latticini, acqua e altre bevande non zuccherate, grassi salutari.
  • Una dieta sana può anche ridurre il rischio, o aiutare a controllare, ipertensione, diabete, obesità e atrofia muscolare, che sono tutti fattori di rischio per le complicanze Covid-19.
  • L'allattamento al seno aiuta il sistema immunitario del bambino, proteggendolo da virus e infezioni batteriche.

Ma ci sono vitamine o altri nutrienti che possono aiutare nella prevenzione?

covid-19L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ritiene che sei vitamine (D, A, C, folato, B6, B12) e quattro minerali (zinco, ferro, rame e selenio) siano essenziali per il normale funzionamento del sistema immunitario in generale. Di parere simile sono scienziati cinesi secondo i quali questi micronutrienti con l'aggiunta dei grassi omega 3 sarebbero utili contro il coronavirus.

In uno  studio spagnolo pubblicato lo scorso settembre è stata presa in considerazione la potenziale influenza di questi 10 nutrienti sul Covid-19, arrivando alla conclusione che i Paesi con il peggior profilo di assunzione di queste sostanze corrispondono a quelli che hanno avuto effetti più accentuati della pandemia Covid-19. In particolare sembra che il consumo non ottimale di vitamina D, vitamina C, vitamina B12 e ferro sia correlato agli indicatori di mortalità del Coronavirus.
Per quanto riguarda la vitamina D in particolare, anche altri studi mettono in evidenza bassi valori di vitamina D e maggiore aggressività del virus, come del resto per altre malattie infettive, ma si attendono ulteriori conferme.

Perché la Dieta mediterranea può giocare un ruolo importante?

Sempre  sul sito dell'Istituto superiore di Sanità leggiamo che gli alimenti consigliati sono proprio quelli alla base della Dieta mediterranea, con prevalenza di verdura, frutta fresca, cereali integrali, legumi, yogurt. Bisogna fare attenzione allo zucchero e al sale, usare con moderazione grassi di buona qualità, e soprattutto mantenere un peso corretto. L'attività fisica a questo scopo è fondamentale e va mantenuta nonostante le eventuali restrizioni.

Buono a sapersi

covid-19Aglio, cipolla, zenzero, arance, miele: sia l'Istituto Superiore di Sanità che la OMS ribadiscono che  per questi cibi, anche se ricchi di proprietà utili e usati tradizionalmente, non ci sono evidenze scientifiche che proteggano dall'infezione da coronavirus ma potrebbero alleviarne alcuni sintomi.

Si stanno però studiando diverse sostanze naturali presenti nei cibi.

Quercetina
Questo  flavonoide con proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, presente in molti vegetali tra cui capperi, cipolla rossa, radicchio, sembrerebbe ostacolare l'attività di un enzima utile allo sviluppo del coronavirus. A giugno del 2020 la FDA non aveva autorizzato l’uso della quercetina contro il Covid in attesa di nuovi studi, diffidando le aziende a promuovere prodotti a base di quercetina contro il coronavirus. Intanto però sono stati pubblicati nuovi studi. In uno internazionale cui partecipa l’Istituto di nanotecnologia del Cnr è stato scoperto che la quercetina funge da inibitore specifico per il virus responsabile del Covid-19, mostrando un effetto destabilizzante sulla 3CLpro, una delle proteine fondamentali per la replicazione del virus. Lo studio è pubblicato sull'International journal of biological macromolecules.

Lattoferrina

Si tratta di una proteina che si trova nel latte dei mammiferi, molto concentrato anche nel latte materno, con attività antibatterica e antivirale. Sono in corso molti studi per valutarne l'efficacia sia nella prevenzione che nella terapia del Covid 19, tra cui uno curato dalla dott.ssa Fabiana Superti presso l’istituto Superiore di Sanità.

Glicirrizina

Il composto principale della radice di liquirizia è stato già studiato in vitro per altre malattie virali ed ora per questa nuova pandemia, sia in Cina che all'Università di Reggio Calabria.

Resveratrolo e altri ancora

Tipico dei frutti rossi, potrebbe essere un'altra sostanza utile, come pure altri ossidanti, tra cui la curcumina della curcuma, l'esperidina presente nella buccia degli agrumi, le catechine del .

3.5 | 4 voto/i

Covid-19: una dieta che protegge - Ultima modifica: 2021-03-09T08:02:27+01:00 da Redazione
Covid-19: una dieta che protegge - Ultima modifica: 2021-03-09T08:02:27+01:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome