Come scegliere e prendersi cura di un albero di Natale

albero di natale

Per molti di noi, non è Natale senza il tradizionale rito della scelta e della decorazione del pino o abete, che per alcune settimane ci rallegrerà con il delizioso profumo di resina dei suoi rami e con le allegre e colorate decorazioni. Sebbene le persone stiano cominciando a comprendere l'importanza di riciclare gli alberi di natale, riducendoli magari in trucioli e reintegrandoli nell'ambiente, molti, purtroppo, finiscono ancora nella discarica

Esistono due modi per scegliere l'albero di Natale in modo da non recare troppi danni all'ambiente. Il primo consiste nell'acquistare un albero vivo, con tanto di radici, e una volta terminate le feste piantarlo in giardino oppure sistemarlo in un vaso piuttosto grande e lasciarlo all'aperto per riutilizzarlo anche il Natale successivo. La seconda possibilità è quella di acquistare un albero tagliato, ossia privo di radici, coltivato in maniera sostenibile da un coltivatore locale, in modo da minimizzare i chilometri di trasporto, e assicurarsi che l'albero sia poi riciclato al termine delle festività. Molti comuni organizzano particolari iniziative per il riciclo degli alberi di Natale e sempre più spesso le associazioni di coltivatori o i negozi dove li abbiamo comprati, si occupano di smaltire gli alberi dopo il periodo natalizio.

Alcuni abeti possono raggiungere altezze considerevoli, come nel caso dell'abete del Caucaso, che può raggiungere addirittura i 40 metri; pertanto, se avete intenzione di piantare il vostro albero all'aperto, verificate prima l'altezza che può raggiungere.

Advertisement

Qualsiasi conifera coltivata in vaso è adatta come albero di Natale e se acquistate una varietà nana, dovrebbe sopravvivere per diversi anni, purché concimata, annaffiata e rinvasata regolarmente.

Come prendersi cura di un abete

  • Acquistate un abete coltivato in vaso, di altezza non superiore a 1,5 m e bagnatelo abbondantemente prima di portarlo in casa.
  • Tenetelo lontano da fonti di calore diretto, quali caloriferi, stufe o camini, e innaffiatelo regolarmente come una qualsiasi pianta da appartamento.
  • Non tenete l'albero in casa per oltre un mese, poiché il calore e le luci artificiali possono interrompere il periodo di letargo invernale, dando inizio a una nuova fase di crescita. In tal caso portare l'albero all'aperto significherebbe ucciderlo.
  • Trascorse le festività natalizie, portate l'albero all'aperto e rinvasatelo all'inizio della primavera in un vaso più grande (utilizzate un compost organico grossolano a base di corteccia e del fertilizzante biologico a rilascio lento, come pellet di consolida maggiore, e tenetelo ben bagnato) oppure piantatelo direttamente in terra, in un suolo ben drenato purché non gelato. Scavate una buca molto ampia, aggiungete della farina di ossa e provvedete a bagnare abbondantemente e con regolarità la pianta per i primi due anni.

 


Come scegliere e prendersi cura di un albero di Natale - Ultima modifica: 2021-11-26T10:23:13+01:00 da Redazione
Come scegliere e prendersi cura di un albero di Natale - Ultima modifica: 2021-11-26T10:23:13+01:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome