Un nuovo studio conferma la migliore qualità dei suoli lavorati con i metodi dell’agricoltura biologica


Rilevata una maggiore salute del terreno e livelli più elevati di micronutrienti rispetto all’agricoltura convenzionale

Un nuovo studio pubblicato sull'International Journal of Current Microbiology and Applciences e ripreso sul sito del SINAB ha rilevato che l'agricoltura biologica è legata a una maggiore salute del suolo e a livelli più elevati di micronutrienti rispetto all'agricoltura convenzionale. I ricercatori hanno prelevato campioni di suolo da aziende biologiche e convenzionali in 11 distretti di Haryana, in India. I terreni coltivati biologicamente presentavano livelli significativamente più alti di zinco (44% in più rispetto ai terreni convenzionali), ferro (21% in più rispetto ai terreni convenzionali), rame (7,5% in più) e magnesio (6% in più). "Dai risultati dello studio si può concludere che l'agricoltura biologica mantiene un livello di micronutrienti più elevato nei terreni rispetto agli stessi in regime di agricoltura convenzionale, e che quindi rende più elevata la qualità del suolo", hanno scritto gli autori.

Scarica qui lo studio

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome