Presentato “Bio in cifre 2012”


Nel rapporto annuale del Sinab tutti con il segno più i principali indici: superfici coltivate, numero di aziende, consumi. Questi ultimi, secondo i dati del Panel Ismea Gfk-Eurisko crescono del 9% nel 2013

“Bio in cifre 2012”, il rapporto annuale realizzato dal SINAB, Sistema d’informazione sull’agricoltura biologica, è stato presentato nel corso del SANA di Bologna in occasione del convegno "I numeri che raccontano il biologico".
Secondo quanto si legge in una nota del SINAB, la ripresa, nel 2012, delle superfici investite, dopo un triennio di stagnazione, e il maggior numero degli operatori certificati, tra agricoltori, trasformatori e importatori, dimostrano la vitalità di un settore che ha raggiunto in ambito nazionale un'incidenza di oltre il 9% rispetto alla superficie agricola utilizzata, toccando uno dei valori più alti a livello mondiale.
Per superfici dedicate l'Italia è sesta, sempre nella classifica globale, mentre figura in ottava posizione per numero di aziende agricole biologiche, che insieme rappresentano circa il 3% delle aziende totali.
La dinamicità del settore è anche testimoniata dall'andamento sostenuto dei consumi. In tempi di crisi, numeri come quelli del bio, che nella prima metà del 2013, attestano all'8,8% la crescita della spesa domestica, rappresentano una rarità in un panorama nazionale che sul fronte dei consumi mostra andamenti fortemente negativi in tutti i settori, alimentare compreso.
Ancora più significativo l'ultimo aggiornamento del Panel Ismea Gfk-Eurisko che segnala addirittura un'accelerazione rispetto alla dinamica del primo semestre.
I dati, a tutto il mese di luglio 2013, attestano la crescita della spesa in prodotti biologici in un più 9,2%, grazie agli ottimi risultati riscontrati in tutti i comparti più rappresentativi.

Scarica qui il rapporto

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome