Nuove professionalità per un’agricoltura multidimensionale


Il “land manager” è una figura poliedrica di consulente che affianca l’imprenditore in strategie capaci di coniugare la ricerca dell’utile con la difesa e la ricostituzione delle risorse naturali

Le attuali direttrici dello sviluppo rurale – si legge in un articolo de l’Informatore agrario -  stanno favorendo in Europa la nascita di nuove professionalità in grado di interpretare una strategia trasversale di approccio all’attività agricola. Sono i “land manager” o gestori del territorio, una classe di professionisti di estrazione potenzialmente diversa, in grado di interpretare in forme creative l’agenda politica della sostenibilità e di accompagnare le scelte delle piccole e medie imprese in campo agricolo, turistico e della tutela dell’ambiente. 
È quanto emerso dalla conferenza internazionale “For Europe’s multi purpose countryside”, celebratasi presso l’Expo di Milano lo scorso 22 giugno sotto l’egida dell’Unione europea. Il land manager è una figura poliedrica di consulente che affianca l’imprenditore in strategie capaci di coniugare la ricerca del profitto con la difesa e la ricostituzione delle risorse naturali. Lo stesso imprenditore agricolo o forestale diventa land manager, quando si dimostra in grado di generare un saldo ambientale positivo nell’esercizio quotidiano della propria attività d’impresa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome