In Italia, nelle zone protette, si trovano oltre 200.000 aziende agricole


E’ quanto emerge da una ricerca svolta dal CREA (l'ente di ricerca del Ministero delle Politiche Agricole), in collaborazione con il WWF Italia e il ministero dell'Ambiente. Secondo il WWF le aziende agricole più avanzate come custodi della biodiversità sono quelle biologiche, condotte da giovani sotto i 41 anni, in prevalenza donne

Le aziende agricole presenti nei siti italiani della rete Natura 2000 sono 214.535 e corrispondono al 12,8% delle aziende agricole presenti nel nostro Paese. Natura 2000 è la rete di zone protette creata dall'Unione europea per la protezione degli habitat e delle specie. Lo rivela – scrive l’Ansa in una nota - una ricerca svolta dal CREA (l'ente di ricerca del Ministero delle Politiche Agricole), in collaborazione con il WWF Italia e il ministero dell'Ambiente. La ricerca è stata presentata a un convegno al Ministero dell'Ambiente, in occasione del Natura 2000 Day.
Nell'Unione europea la rete Natura 2000 comprende oltre 27 mila siti e copre oltre il 18% del territorio europeo e oltre il 6% di quello marino". In Italia i siti sono 2.613.
La superficie agricola totale delle aziende all'interno di siti Natura 2000 italiani è di oltre 2,7 milioni di ettari. La superficie agricola utilizzata è di oltre 1,5 milioni di ettari, corrispondente al 26,9% della superficie complessiva dei siti Natura 2000 in Italia.
In occasione del "Natura 2000 Day" sono state presentate le prime 38 aziende agricole selezionate in Italia per le loro buone pratiche messe in campo per la conservazione della natura e la valorizzazione delle aree naturali protette. Queste aziende virtuose sono distribuite in 15 Regioni e ricadono in varie tipologie di aree ad alto valore naturale. La maggior parte delle aziende ha un sistema di produzione biologico, ma sono presenti anche esempi di aziende che hanno sviluppato esperienze di agricoltura sinergica e di agricoltura biodinamica.

WWF, i giovani agricoltori sono custodi della biodiversità. "Le aziende agricole più avanzate sono quelle del biologico, condotte da giovani sotto i 41 anni, in prevalenza donne. È questo il profilo del nuovo agricoltore, capace di raccogliere le importanti sfide della globalizzazione dei mercati, creando valore aggiunto dall'applicazione dei principi di sostenibilità nelle produzioni locali". Lo dichiara Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia, commentando il rapporto del CREA (il centro studi del Ministero delle Politiche Agricole), preparato in collaborazione con il WWF e il Ministero dell'Ambiente. "Gli agricoltori possono svolgere un ruolo determinante nella conversione ecologica del Paese - prosegue Bianchi -, essere custodi della biodiversità, garantendo e promuovendo la resilienza dei sistemi naturali nelle aree di maggior pregio tutelate dall'Europa, grazie all'utilizzo ottimale dei Fondi della PAC (Politica agricola comune)". La ricerca ha consentito anche di selezionare le prime 38 aziende agricole virtuose in relazione alle buone pratiche all'interno di siti Natura 2000. Il 31,5% di queste aziende sono condotte da giovani sotto i 41 anni, in prevalenza donne, il 79% praticano agricoltura biologica, il 74% ha investito proprie risorse per realizzare interventi per la conservazione della natura e il 71% ha utilizzato misure negli ultimi due periodi di programmazione (2000-2006 e 2007-2017) per realizzare investimenti per la conservazione della biodiversità e la valorizzazione della loro presenza all'interno di un territorio ad elevato valore naturale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here