Incentivi alla ricerca in agricoltura


Il concorso per progetti di ricerca industriale in agricoltura si rivolge alle piccole e medie imprese condotte da “under 40”, da realizzare in collaborazione a non più di due organismi di ricerca. Le proposte vanno presentate entro il 12 dicembre

Un sostegno allo sviluppo e alla competitività delle aziende giovani viene dal Mipaaf, che ha bandito un nuovo concorso per "progetti di ricerca industriale in agricoltura", vale a dire attività di ricerca per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti. La selezione si rivolge alle piccole e medie imprese condotte da “under 40”, da realizzare in collaborazione a non più di due organismi di ricerca. Lo rende noto l’Agia, l’Associazione dei giovani imprenditori della Cia.

Le risorse messe a disposizione dal ministero delle Politiche agricole sono pari a 1,5 milioni di euro, mentre il finanziamento massimo concesso a ogni singolo progetto di ricerca è di 150 mila euro, che saranno erogate sotto forma di rimborso delle spese sostenute dalle aziende. Le proposte di progetto dovranno essere recapitate entro le ore 12.00 del giorno 12 dicembre al seguente indirizzo: ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, Direzione Generale dello sviluppo rurale, Ufficio DISR IV - Ricerca e sperimentazione, via XX settembre 20, 00187 Roma (III Piano, Stanza 76).
Mentre per eventuali richieste di chiarimento sul bando, ci si può rivolgere alle sedi provinciali e regionali della Confederazione, dove il personale Agia/Cia sta lavorando per favorire il contatto tra giovani imprenditori e mondo della ricerca, oltre che a dare un aiuto concreto nella stesura dei progetti da inviare al Mipaaf.

Presso le sedi provinciali e regionali della Confederazione il personale Agia-Cia offre consulenza per la stesura dei progetti e per stabilire contatti tra aziende e il mondo della ricerca.

Il testo completo del bando e gli allegati, sono reperibili nel sito del ministero

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome