Dal 7 al 10 settembre a Bologna c’è Sana


La Fiera che ha accompagnato i primi 30 anni del biologico italiano. Un appuntamento per informarsi, capire, discutere: anche con un ricco programma di convegni. Ecco gli appuntamenti proposti dal CCPB, uno degli organismi di controllo storici

Venerdì 7 settembre, ore 10,30

Il futuro del cibo: il bio c’è

Il CCPB apre la 30esima edizione di SANA parlando di quale sarà il futuro del cibo. I percorsi possibili sono tanti, si parlerà soprattutto di: agricoltura biologica, economia circolare, insetti, e tecnologie per la sostenibilità.

Clicca qui per programma e registrazione

Venerdì 7 settembre, ore 14,30

Il suolo in agricoltura biologica: biodiversità, fertilità, carbon sink

Le strategie per il futuro dell’agricoltura sostenibile non possono che partire dal suolo. Come renderlo più ricco, più vario, più fertile e meno soggetto all’inquinamento umano è la sfida dei prossimi decenni. Vogliamo affrontare l’argomento con chi se ne sta già occupando tra aziende, ricerca, settore pubblico e certificazione. Oltre il già affermato e certificato biologico, altre pratiche e tecniche agronomiche sono in questo ambito ancora in fase di sperimentazione, seppure di eccellenza. Prima o poi tutto dovrà tradursi in protocolli, standard riconoscibili e utilizzabili come strumenti di miglioramento delle produzioni, nonché di comunicazione e marketing, apprezzabili sia dal mercato che dai consumatori.

Clicca qui per programma e registrazione

Sabato 8 settembre, ore 11

Cosa lega i due mondi del biologico alimentare e cosmetico?

Naturalmente la certificazione. Se in entrambi i settori la materia prima agricola è così centrale, solo controlli e analisi in campo e in laboratorio, negli impianti di trasformazione e negli uffici, possono dare le giuste garanzie al mercato e ai consumatori. Il biologico è un metodo, qualcosa quindi di molto pratico e concreto, supportato però da valori molto forti legati alla salubrità, all’ambiente, alla sostenibilità. La differenza tra i due mondi la fa allora il tipo di certificazione: regolamentata dall’Unione europea e dalle sue appendici nazionali per l’alimentare, affidata a standard volontari per la cosmesi, che infatti in assenza di regole chiare e largamente condivise fatica ad emergere come meriterebbe. Il SANA da sempre abbraccia i due mondi e permette l’occasione di sentire e incontrare esperti e addetti ai lavori.

Clicca qui per programma e registrazione

Qui il programma completo di SANA 2018

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome