Cosa cambierà con il nuovo Regolamento UE sull’agricoltura biologica?


Un documento di IFOAM EU analizza il nuovo testo e invita le istituzioni europee a lavorare in stretto contatto con il movimento del biologico, così da rendere il nuovo Regolamento praticamente applicabile al lavoro quotidiano di tutti gli attori della filiera del biologico

IFOAM EU ha pubblicato un documento che propone – informa il Sinab - un’analisi del nuovo Regolamento sul biologico mettendo in evidenza i cambiamenti introdotti rispetto al Reg. (EC) 834/2007. Molti sono i dettagli del nuovo Regolamento che da qui al gennaio 2021, sua entrata in vigore, dovranno essere sviluppati attraverso atti delegati ed atti esecutivi, riguardo ai quali  IFOAM UE invita le istituzioni europee a lavorare in stretto contatto con il movimento del biologico, così da rendere il nuovo Regolamento praticamente applicabile al lavoro quotidiano di tutti gli attori della filiera del biologico: gli agricoltori, i trasformatori, i commercianti, i venditori e il sistema di controllo. IFOAM UE ritiene inoltre che un nuovo piano d'azione del biologico post-2020 darebbe un contributo positivo alla corretta applicazione del nuovo Regolamento sui prodotti biologici.

Il nuovo Regolamento

Il documento di Ifoam Ue

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome