Il tè verde contro l’obesità, oltre che berlo usiamolo in cucina

5 | 1 voto/i

Ancora una volta il tè verde è al centro dell’attenzione per i suoi concreti benefici sull’organismo, ma oltre come bevanda pura e semplice può tornarci molto utile anche per le preparazioni in cucina

In un recente studio condotto dall’Università statale dell'Ohio e pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry il tè verde è tornato a far parlare di se per le sue prerogative di salute e i contributi che può dare al benessere individuale.

Un consumo in dosi abitualmente bevute da diverse popolazioni asiatiche ha avuto nella sperimentazione degli effetti molto positivi sulla composizione dei batteri residenti a livello intestinale nell’organismo.

Quelli che potremmo considerare in una metafora abbastanza vicina alla realtà come i neuroni del nostro secondo cervello come spesso viene definito l’ambito intestinale dal cui benessere dipende il buon funzionamento di tantissimi altri organi correlati e spesso anche l’umore.

Un buon consumo al giorno di tè verde, senza esagerare visto che le indicazioni dello studio erano riportate a una popolazione asiatica con altre abitudini e costumi, può quindi esserci di aiuto.

Si tratta di organizzarsi e magari prepararlo prima secondo i giusti criteri, che magari analizziamo in un prossimo intervento, conservarlo al fresco e poi al bisogno berlo, anche se bisogna ammettere il piacere più grande è sorseggiarlo caldo appena fatto!

Tornando allo studio oltre alla migliore composizione microbica la nota più interessante che è stata notata nel consumo di tè verde ha riguardato una certa diminuzione del peso, che in verità altri studi dovranno poi confermare o meno, e una migliore gestione dell’insulina.

Entrambi fattori che è stato ipotizzato possono essere dei controllori efficaci sull’obesità un epidemia che a livello globale sta contagiando ogni strato della popolazione senza differenze di status sociale.

Il tè verde però non è solo una bevanda sana da bere liberamente lungo l’arco della giornata perché aromi e profumi che contiene possono rivelarsi molto utili anche nelle preparazioni di cucina.

Per prima cosa se pensiamo alla vasta categoria dei risotti il suo liquido può in alcuni casi sostituire il comune brodo con risultati devo dire molto interessanti.

E questo anche o sopratutto quando del risotto prendiamo in prestito la tecnica per utilizzare in realtà altri cereali in chicchi, diversi orzotti infatti cucinati con il tè verde hanno un risultato decisamente molto interessante.

In generale il tè verde è anche molto utile quando dobbiamo idratare una preparazione in cottura, di solito usiamo semplice acqua o abbiamo l’incombenza di dover preparare un brodo (evitando mi raccomando estratti e dadi industriali), ma con estrema velocità possiamo preparare un buon tè verde magari declinato con qualche altro aroma!

Anche nelle preparazioni dolci il tè verde si rivela prezioso, ci sono tutta una serie di gelatina naturali in cui racchiudere frutta e altri ingredienti da dolci come il comune cioccolato.

Oltre a non utilizzare la colla di pesce e prodotti simili in favore del più opportuno agaragar o prodotti paralleli la presenza di un liquido aromatico come il tè verde può fornirci soluzioni nuove molto creative.

Insomma questa bevanda può rivelarsi strategica anche in cucina così saremo ancora di più sollecitati nel suo consumo con grande beneficio dell’organismo!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome