Vita in campagna
Sorprese al gusto kiwi


Ecco qualche idea originale per rendere più goloso il vostro, e non solo, Natale. Una tisana-regalo da appendere all’albero e poi sorseggiare nelle fredde serate invernali e una confettura tutta speziata

Il kiwi non è propriamente un frutto, ma la bacca di una pianta rampicante chiamata Actinidia deliciosa, particolarmente adatta a essere coltivata nei giardini. Il nome attribuito alla specie già parla chiaro: la polpa verde dolce e acidula di questo frutto così particolare è stata subito apprezzata nel nostro Paese, fin da quando ne iniziò la coltivazione negli ultimi anni del ‘900. Così tanto da farne in poco tempo il secondo produttore mondiale dietro la Cina, il suo Paese d’origine, e davanti alla Nuova Zelanda, a cui deve il nome, un uccello endemico, con cui tutti lo conosciamo. In Italia viene coltivato soprattutto nel Lazio, spesso con metodi biologici. Dal punto di vista nutrizionale il kiwi è poco calorico, ricco d’acqua, di vitamine e minerali. In particolare, è molto elevato il contenuto di vitamina C e di potassio, che lo rende un frutto adatto agli sportivi e agli ipertesi, riequilibrando il rapporto col sodio nell’organismo. In cucina il kiwi è ampiamente utilizzato nei dolci, in crostate di frutta fresca e nelle macedonie, ma si sposa benissimo anche in preparazioni più sapide, soprattutto in insalata con verdure crude. Per accelerare la maturazione dei frutti acerbi, possiamo metterli vicino a mele o pere, che ne facilitano l’ammorbidimento. Se poi parliamo di cosmesi naturale, dal seme del kiwi viene estratto un olio cosmetico ottimo per riequilibrare il film idrolipidico della pelle, e dalla polpa si ottengono estratti usati nella saponificazione. A livello casalingo, vi basterà spalmare della polpa frullata sul viso e lasciarla in posa 10 minuti per sentirlo subito più idratato e morbido.

Tisana al kiwi per l’albero di Natale

Sbucciate 3 kiwi e tagliateli a fettine sottili. Sbucciate anche una mela, eliminate il torsolo e affettatela a rondelle, oppure a spicchi. Bagnate tutto con poco succo di limone e mettete le fettine a essiccare in un essiccatore elettrico oppure in forno a bassissima temperatura e con lo sportello semiaperto. Affettate anche un’arancia ed essiccatela col resto. Unite ai frutti essiccati una manciata di fiori di ibisco comprati in erboristeria e qualche bacca di rosa canina privata dei semi ed essiccata. Procuratevi delle palline apribili di plastica trasparente da appendere all’albero di Natale, riempitele con il mix di frutti e usatele come decorazione. Alla fine delle feste, potrete svuotare le palline e usare il contenuto per dolci infusi alla frutta, avendo cura di spezzettare grossolanamente la porzione con un macinacaffè prima di metterla nell’acqua bollente. Vi basterà un cucchiaio per miscela per tazza d’acqua, senza necessità di dolcificare.

Confettura di kiwi allo zenzero

Se vi piacciono i regali fai da te, il kiwi potrà essere il protagonista di una confettura allo zenzero dal gusto dolce acidulo, indicata in abbinamento a preparazioni dolci e salate. Sbucciate 1 kg di kiwi maturi, tagliateli in due nel senso della lunghezza e poi a fettine e metteteli in una pentola insieme a 400 grammi di zucchero di canna chiaro o miele d’acacia o sciroppo d’agave. Unite il succo di 1 limone e 1 mela tagliata a tocchetti, a cui avrete tolto il torsolo ma non la buccia (è importante quindi scegliere frutta bio). Mescolate e lasciate riposare mezz’ora, poi accendete il fuoco. Portate a bollore e aggiungete 15 grammi di radice di zenzero grattugiata. Lasciate cuocere finché la frutta sarà morbida, poi frullate. Cuocete ancora 5 minuti, aggiungete 2 cucchiaini di agar agar in polvere disciolto in poca acqua e spegnete dopo altri 2 minuti. Versate in vasetti sterilizzati, tappateli e capovolgeteli.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome