Alimenti gluten free
Intolleranza al glutine: cosa mangiare per stare bene?

glutine

Mal di testa frequente, pancia gonfia, dolori articolari e debolezza sono solo alcuni dei sintomi più comuni dell’intolleranza al glutine. Questa patologia è piuttosto diffusa con un’incidenza sei volte superiore alla celiachia. Secondo la NCGS (Non-Coeliac Gluten Sensitivity) l’intolleranza colpisce circa il 7% della popolazione mondiale e 3 milioni di italiani

Assumere alimenti senza glutine per celiaci è solo uno degli aspetti essenziali per mangiare correttamente e ritrovare il benessere del proprio corpo. Scopriamo insieme qualcosa in più sull’intolleranza al glutine, come riconoscerla e cosa fare per prendersi cura del proprio organismo.

Come riconoscere l’intolleranza al glutine

Si può essere intolleranti al glutine senza essere celiaci? La risposta è sì. La sensibilità al glutine è una realtà diffusa e si manifesta in modi differenti. Nella maggior parte dei casi, il quadro dei disturbi sembra quasi riproporre la “sindrome del colon irritabile”: pancia gonfia, addome dolorante, difficoltà a digerire e stitichezza o diarrea. Oltre a questi sintomi, possiamo notarne altri, come ad esempio mal di testa, astenia e stanchezza, instabilità e vertigini, problemi di memoria, arrossamenti cutanei diffusi e associati a prurito, difficoltà a concentrarsi e dolori articolari.

Advertisement

Il primo passo per diagnosticarla è consultare il proprio medico e rivolgersi a un centro specializzato, evitando l’autodiagnosi. È opportuno sottoporsi a esami mirati che consentono di confermare o escludere l’allergia al grano. Purtroppo ancora oggi non esiste un test che consenta di diagnosticare la sola intolleranza al glutine, non celiaca. Solo il parere di un medico potrà aiutarti a capire in che modo porre rimedio ai fastidiosi sintomi e che tipo di alimentazione seguire.

Rispetto a chi è celiaco, chi soffre di intolleranza può escludere gli alimenti che contengono glutine per periodi brevi e alternare con cibi che lo contengono. Ecco perché è essenziale parlare con il proprio medico prima di iniziare con diete fai da te che rischiano di danneggiare l’organismo.

Cosa mangiare?

Quando si parla di intolleranza al glutine è importante prestare attenzione ai cibi che lo contengono e cercare di escluderlo il più possibile, senza eliminarlo definitivamente. Non sono tante le regole da seguire:

  1. ridurre gli alimenti che contengono il glutine: il frumento, il farro, la segale, l’orzo, l’avena, il germe di grano, la crusca, il lievito e il malto dei cereali vietati;
  2. eliminare i prodotti che contengono cereali e farine da evitare: paste, gnocchi, pane e prodotti da forno, ma anche besciamella, minestroni che contengono i cereali e alimenti impanati con farine vietate;
  3. ridurre il consumo di bevande come: il caffè solubile, i surrogati del caffè, preparati e bevande a base di cereali, così come le birre al malto o al frumento, a meno che non siano certificati Gluten Free.

Il tratto distintivo degli alimenti privi di glutine è la spiga sbarrata. Quando è presente questo simbolo significa che l’alimento può essere assunto tranquillamente da chi è intollerante o celiaco.

Rispetto al passato, oggi è molto facile trovare alimenti senza glutine sia tra gli scaffali del supermercato ma anche in negozi specializzati e nelle farmacie. Questo consente alle persone che soffrono di questo disturbo di poter seguire una dieta equilibrata e varia, senza rinunciare al piacere del buon cibo!


Intolleranza al glutine: cosa mangiare per stare bene? - Ultima modifica: 2021-06-15T08:41:42+02:00 da Redazione
Intolleranza al glutine: cosa mangiare per stare bene? - Ultima modifica: 2021-06-15T08:41:42+02:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome