Oli aromatizzati
Olio e spezie, un connubio perfetto

Glass bottle of olive oil with red hot chili peppers over old wooden background. See series

Serve un buon olio extravergine d’oliva, alcune spezie, un barattolo di vetro e un po’ di tempo… otterrete oli dall’aroma piccante, dolce, fresco con proprietà nutritive eccellenti. Da provare

L’olio extravergine d’oliva, si sa, è il re dei condimenti. Profumato, gustoso, digeribile, dotato di eccezionali proprietà nutritive; sembrerebbe impossibile “migliorarlo”. Eppure anche l’olio d’oliva può essere arricchito, tanto nel gusto quanto nelle proprietà nutritive con l’uso di spezie e di erbe aromatiche. Il più famoso tra gli oli aromatici è quello al peperoncino, detto anche “olio santo”: usato per condire a crudo ogni tipo di pietanza (classico sulla pasta e sulla pizza), aiuta a dosare con precisione la “cocente” spezia, e ne sviluppa l’aroma in tutte le sue sfumature. Ma l’uso di aromatizzare l’olio è molto antico. Apicio, il famoso cuoco dell’antica Roma, consiglia ad esempio una ricetta per fare l’olio liburnico, ovvero un modo per aromatizzare il comune olio spagnolo in modo che assomigli al raro e ricercato olio della Liburnia (l’antica Dalmazia). Per il suo olio liburnico Apicio usava enula, cipero e alloro: il risultato doveva essere piuttosto forte e amaro, forse non troppo adatto al gusto attuale. Qui vogliamo proporvi invece l’uso di spezie ed erbe aromatiche più delicate, adatte ad accompagnare moltissimi piatti e utili per trasformare l’olio in una base aromatica sempre pronta, facile da usare e da dosare. Le spezie servono non solo ad aromatizzare l’olio, ma anche a conservarlo meglio o ad arricchirlo di principi attivi benefici.

Come si preparano gli oli aromatizzati

Tecnicamente detti oleoliti, i macerati di piante aromatiche in olio possono essere preparati a freddo, mettendo in infusione le spezie (o le erbe) nell’olio per alcuni giorni, oppure a caldo, facendo scaldare l’olio o altri ingredienti a bagnomaria per alcune decine di minuti. La macerazione a freddo è il sistema migliore, perché sebbene richieda più tempo, non altera le proprietà nutritive dell’olio e non cambia il gusto delle spezie. La tecnica di preparazione è semplicissima: si mescola l’olio con la/le spezie o le erbe aromatiche, si lascia in un luogo tiepido, in casa vicino al termosifone, non sopra, (meglio ancora alla luce del sole, in questo caso rivestite la bottiglia d’olio con della carta d’alluminio) e dopo una decina di giorni l’olio è pronto. Per conservarlo meglio vi consigliamo di travasarlo in una bottiglia di vetro scuro e di riporlo in un luogo fresco.

Idee per usarli al meglio

  • Olio piccante aromatico: è ottimo per fare una salsa piccante da spalmare sul pane, mescolato con scalogno tritato, caprino o ricotta e pomodori secchi tritati.
  • Olio alle spezie dolci: perfetto per condire un’insalata di pere tagliate a fettine mescolate con scaglie di ricotta dura di pecora.
  • Olio alla curcuma: va benissimo per fare la maionese, sia quella classica fatta a mano sia quella fatta con il frullatore. La maionese alla curcuma ha un aroma speciale e un bellissimo colore giallo vivo intenso, ed è particolarmente leggera e digeribile.
  • Olio al sedano: provatelo come condimento (insieme a un pizzico di sale) per dei filetti di cernia e delle patate, entrambi cotti al vapore.

Ecco come preparare i 4 oli aromatizzati

Olio piccante aromatico

Ingredienti per 500 ml d’olio aromatico: 500 ml d’olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaio di pimento, in grani, 1 cucchiaio di peperoncino secco frantumato, 1 cucchiaio di zenzero secco in polvere.
Mettete pimento, pepe e peperoncino in un macinacaffè elettrico e riduceteli in polvere. Versate tutte le spezie e l’olio in un vaso di vetro e mescolate. Chiudete il vaso e lasciatelo in un luogo tiepido per 10 giorni; una volta al giorno agitatelo. Lasciate che le spezie si depositino sul fondo del vaso, quindi travasate l’olio in una bottiglia di vetro scuro avendo cura di non smuovere il deposito.

Note

È un olio piccante molto profumato, dotato di proprietà digestive e antisettiche del tratto digerente. Si usa per condire tutto: insalate, pesce, formaggi, primi, minestre, pizze e torte salate; ma va bene anche per fare originali dessert dolci/piccanti.

Olio alle spezie dolci

Ingredienti per 500 ml di olio aromatico: 500 ml di olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaio di semi di coriandolo, 1 cucchiaio di semi di anice verde, 1 cucchiaio di semi di anice stellato, 1 stecca di cannella lunga circa 20 cm, mezzo cucchiaino di noce moscata grattugiata.
Mettete il coriandolo, l’anice verde, l’anice stellato e la cannella in un macinacaffè elettrico e riducetele in polvere. Versate tutte le spezie e l’olio in un vaso di vetro e mescolate. Chiudete il vaso e lasciatelo in un luogo tiepido per 10 giorni; una volta al giorno agitatelo. Lasciate che le spezie si depositini sul fondo del vaso, quindi travasate l’olio in una bottiglia di vetro scuro avendo cura di non smuovere il deposito.

Note

Decisamente aromatico, con un profumo dolce e caldo, dotato di eccellenti proprietà digestive e carminative. Si usa soprattutto per i dolci, aggiungendone ad esempio poche gocce sulle macedonie, sulle creme e le mousse, è perfetto sul budino di riso e sulla panna cotta. Si può usare anche per aromatizzare le salse per il pinzimonio a base di noci o di nocciole, o mescolare nell’impasto dei biscotti, pasta frolla, dolci alla frutta.

Olio alla curcuma

Ingredienti per 500 ml di olio aromatico: 500 ml di olio extravergine d’oliva, 3 cucchiai colmi di curcuma in polvere.
Versate la curcuma e l’olio in un vaso di vetro e mescolate. Chiudete il vaso e lasciatelo in un luogo tiepido per 10 giorni; una volta al giorno agitatelo. Lasciate che la curcuma si depositi sul fondo, quindi travasate l’olio in una bottiglia di vetro scuro avendo cura di non smuovere il deposito.

Note

La curcuma è ricca di curcumina, una sostanza che, oltre a donare all’olio un bellissimo colore giallo oro, lo arricchisce di proprietà antinfiammatorie e epatoprotettive. L’olio alla curcuma è perfetto per sostituire il semplice olio d’oliva in tutte le preparazioni; migliora il metabolismo del fegato e dei grassi, contribuendo anche a tenere sotto controllo il colesterolo, e può essere considerato l’olio della giovinezza grazie al potente effetto antiossidante della curcumina. Provate a usarlo sulle insalate oppure per il classico “giro d’olio” per condire legumi, zuppe e minestre: le renderà anche molto digeribili.

Olio al sedano

Ingredienti per 500 ml d’olio aromatico: 500 ml d’olio extravergine d’oliva, 100 g di foglie di sedano verde.
Lavate e asciugate bene le foglie di sedano, quindi tagliatele a striscioline e versatele in un vaso di vetro. Versate l’olio nel vaso facendo in modo che le foglie rimangano completamente immerse, e che non vi siano bolle d’aria. Chiudete il vaso e lasciatelo in un luogo tiepido per 10 giorni; una volta al giorno capovolgetelo. Filtrate attraverso una garza o un colino a maglie molto fitte, quindi travasate l’olio in una bottiglia di vetro scuro.

Note

È un olio dal profumo fresco e delicato, molto adatto per condire pesce cotto a vapore, formaggi freschi, insalate. Dona un gusto originale alle insalate di frutta, ed è delizioso come olio da pinzimonio.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome