Home Le ricette Prodotti di stagione Oggi cucino Diete Ricette per... Personaggi Glossario La rivista Video Eventi I libri InformaBio Alimentazione&Salute
Prodotti salutistici Cosmesi naturale

Alimenti e salute
Quali cibi contro il mal di testa

Rating: Rating Staar 1Rating Staar 2Rating Staar 3Rating Staar 4Rating Staar 5 671 voti (clicca per votare)

Piera Gatti

Le origini possono essere diverse; certo non si può mettere sotto accusa il cibo per qualsiasi problema. Tuttavia nelle persone ipersensibili un menu controllato aiuta a prevenire gli attacchi più molesti. Pasti leggeri, senza alcolici e cibi conservati, sono, in ogni caso, d’aiuto a tutti quando il mal di testa si fa sentire.

L’influsso della serotonina

La sua importanza è ormai conosciuta: la serotonina regola la motilità intestinale, concilia il sonno, controlla la respirazione e agisce sul tono dell’umore. Essa ha inoltre un’azione sui vasi sanguigni: fa dilatare e restringere le arterie a livello cerebrale. In alta concentrazione provoca uno spasmo, mentre la sua diminuzione causa dilatazione, quindi colore.
Un menu ricco di carboidrati provenienti dai cereali è un buon accorgimento per prevenire sbalzi di serotonina. Al contrario, l’ingestione di zuccheri semplici, contenuti nei dolci, oltre a procurare picchi insulinici, provoca alterazioni dei livelli di serotonina.
Anche gli esercizi di rilassamento e la meditazione agiscono come equilibratori della serotonina e quindi prevengono il mal di testa.

I cibi a rischio per l’emicrania o la cefalea

Dadi e glutammati
La cosiddetta “sindrome da ristorante cinese” è uno degli esempi più evidenti. Dopo una mangiata cinese la testa si fa pesante, dolente. Colpa dei glutammati, presenti, per l’appunto, nei dadi e utilizzati come insaporenti in molti cibi industriali, salsa di soia compresa. Queste sostanze, con struttura simile ad alcuni neurotrasmettitori hanno, fra l’altro, un’azione sui vasi sanguigni del cervello che può favorire la cefalea. Alcuni studiosi li hanno messi sotto accusa perché sospettati di favorire disturbi nervosi come irrequietezza, insonnia e addirittura il morbo di Alzheimer. Meglio quindi depennare dalla lista della spesa tutti i prodotti che li contengono: anche se non si soffre di mal di testa.

Vino rosso
Il suo influsso negativo sulla cefalea potrebbe essere legato ai flavonoidi, composti responsabili del suo colore, per altro dotati di benefiche proprietà antiossidanti. L’abuso di vino è ad ogni caso a rischio: affatica il fegato, e questo è già di per sé un fattore di rischio per il mal di testa. Anche il vino bianco è spesso legato a episodi di mal di testa, a causa della presenza di anidride solforosa, additivo che provoca il cosiddetto “cerchio alla testa”.

Cioccolato
Può provocare il mal di testa in chi soffre d’intolleranza alla feniletilamina, sostanza vasodilatatrice presente nel cacao. Va quindi evitato o consumato con molta moderazione da chi sa di essere ipersensibile.

Uova, crostacei, fragole, pomodori, peperoni
Ricchi di istamina, provocano cefalee dovute ad accumulo di questa sostanza. Vale soprattutto per le persone con tendenze allergiche.

Alimenti diversi
Altri alimenti rischiosi sono: selvaggina, fichi, uva passa, castagne e talvolta succo d’arancia.
Problematici inoltre, per chi soffre di mal di testa, gelati e cibi ghiacciati. Infine anche i salumi, pesce conservato e diversi altri ingredienti possono causare il disturbo, in seguito a cattiva digestione o ad accumulo di tossine. Occorre, quindi, prestare attenzione al proprio corpo e imparare a riconoscere i possibili fattori di rischio.

Cosa mangiare quando avete il mal di testa

SI
Pasta e altri cereali, legumi, ortaggi, frutta fresca, pesce e carne freschi, bevande analcoliche non gasate e non fredde, piccole quantità di tè e caffè.

CON MODERAZIONE
Uova, latticini freschi, salumi magri come prosciutto crudo o bresaola.

NO
Minestre in busta o in scatola e altri cibi conservati, salsa di soia con glutammati, dadi da cucina, cacciagione, carne stagionata, fegato, salumi grassi (come pancetta o salsicce), formaggi stagionati, agrumi, alcuni tipi di frutta secca e oleosa (uvette, noci, arachidi), fichi, uva, fragole, olive, cioccolato e cacao, torte con creme e panna, gelati.

Ul cerca ricette
Cerca fra le ricette presenti sul nostro database
Parola chiave:
News
Iscriviti alla Newsletter Cucina Naturale.

News
Registrati gratuitamente per poter commentare le nostre ricette!

 

 

Video ricetta 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paella vegetariana

di Giuliana Lomazzi tratta dal libro Piatti unici delle cucine d'Europa edito da Tecniche Nuove

di Giuliana Lomazzi

Guarda il video

News
Aspetti l'autunno per mangiare cosa?
Ricette con i funghi
Ricette con la zucca
Ricette con le castagne
Polenta
Archivio Sondaggi
Copyright İ 2006-2012 Tecniche Nuove SpA - Via Eritrea 21, 20157 Milano - P.I. 00753480151 • Privacy - Design e Sviluppo CMS Time&Mind