Dolcissimo matrimonio tra le fragole, sia fresche che in gelatina, e un’aromatica crema all’arancia, in un’originale e deliziosa interpretazione della classica crostata di frutta

Voti: 1
Valutazione: 1
You:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Per poter creare il tuo menu devi effettuare l'accesso.
Aggiungi al menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Media
30 minuti di preparazione
20 minuti di cottura
Impatto glicemicoalto
320 chilocalorie

Ingredienti

Per
persone
Unità di misura
Per la gelatina
Per la crema

Istruzioni

  1. Foderate con la pasta frolla una tortiera alta 2 cm e del diametro di 26 cm, già ricoperta con carta da forno. Per evitare che si gonfi durante la cottura, cospargete la pasta con fagioli secchi e poi infornate a 180°C per 20 minuti scarsi. A cottura ultimata levate i fagioli.
  2. Ammollate 2 fogli di gelatina in acqua fredda per qualche minuto. Nel frattempo, frullate le fragole, riunitele in un pentolino con lo zucchero e portate a bollore. Levate subito dal fuoco, mescolate alla frutta calda la gelatina ben strizzata facendola sciogliere completamente; per ultimo unite il succo di limone.
  3. Preparate quindi la crema. Mettete a bagno i fogli di gelatina. In una piccola casseruola versate lo zucchero, le uova e il succo d’arancia. Mescolando sempre, portate dolcemente a bollore e levate subito dal fuoco. Incorporate la gelatina mescolando con cura e quando il tutto comincia a intiepidire (intorno ai 35-40 °C), aggiungete il burro ammorbidito. Aiutandovi con una frusta, battete energicamente la crema fino a farla diventare liscia, unendo alla fine il liquore all’arancia.
  4. Stendete la crema ben raffreddata sulla base di pasta frolla e posate su questa le fragole a fettine. Completate stendendo con un pennello la gelatina di fragole, fatta scaldare leggermente a bagnomaria per renderla più fluida.

Note

In Veneto dal marzemino, vitigno diffuso anche nel Trentino, ricavano un vino passito dal netto ricordo di fragole, mirtilli e erba falciata: il Colli di Conegliano Refrontolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome