Per vincere la crisi, passare al biologico dove i caseifici pagano il giusto il latte che ritirano


E’ quello che suggerisce il presidente di Assobio ai pastori sardi che stanno protestando contro i prezzi troppo bassi pagati dai caseifici convenzionali ai produttori

“Oggi i caseifici biologici sardi stanno pagando ai produttori 85 centesimi al litro di latte (oltre il 40% di premio) e quando quello convenzionale veleggiava sugli 80 centesimi, pagavano il latte biologico 1 euro al litro, con un premio di circa il 25%”. Roberto Zanoni, presidente di AssoBio, commenta - come si legge sul Salvagente  - la protesta dei pastori sardi ribadendo che è fondamentale scegliere strade alternative. “E’ necessario pagare un prezzo che compensi in misura giusta i diversi anelli della filiera, ricordando che ogni volta che il buyer di un supermercato o un consumatore acquistano un prodotto a prezzo troppo basso stanno stringendo il cappio alla gola di un agricoltore” dice Zanoni, “Nel settore biologico questo non accade ed è una delle ragioni per cui il numero di aziende è in costante crescita, assieme alla consapevolezza dei produttori e alla domanda dei consumatori”.

Assobio fornisce alcuni dati emblematici: nel 1991 le aziende agricole erano 3.023.000 (all’epoca quelle biologiche erano solo 4.189), nel 2017 sono crollate a 1.145.000 (solo negli ultimi tre anni più di 320mila han chiuso i battenti), mentre quelle biologiche salivano a 66.773 e il loro ritmo di crescita non accenna a diminuire. “In sostanza, i prezzi che non coprono i costi condannano le aziende al fallimento: dal 1991 al 2017 le aziende agricole italiane si son più che dimezzate, mentre quelle biologiche sono aumentate di 16 volte” sostiene l’associazione.

Leggi tutto l’articolo QUI

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome