Conegliano. Quasi conclusa la raccolta di firme necessarie per il referendum contro i pesticidi

1 | 1 voto/i

L'obiettivo è chiedere ai cittadini di esprimersi a favore o contro l'inserimento nel regolamento intercomunale di polizia rurale del divieto di utilizzo di sostanze tossiche e fitofarmaci chimici di sintesi all'interno dei confini comunali, sostituendoli con quelli ammessi in agricoltura biologica

Continua la raccolta firme per il referendum contro i fitofarmaci a Conegliano: dopo il deposito del quesito referendario in municipio avvenuto lo scorso 31 agosto, sono iniziati i 60 giorni necessari per la raccolta di 2.304 firme, la quota legale necessaria per indire il referendum.

L'obiettivo – si legge su QDP news - è di chiedere ai cittadini l'assenso oppure il diniego per l'inserimento all'interno del regolamento intercomunale di polizia rurale del divieto di utilizzo di sostanze tossiche e fitofarmaci chimici di sintesi all'interno dei confini comunali, sostituendoli con prodotti fitosanitari biodegradabili ammessi nelle pratiche di agricoltura biologica.

L'obiettivo prefissato sembra avvicinarsi, considerando che la scorsa domenica 30 settembre il numero delle firme raccolte è salito a 2.250.

"L’obiettivo di legge è ormai praticamente raggiunto - ha affermato Mario Nicastro, coordinatore del Comitato Referendario - Ma, per costruire un margine di sicurezza, vogliamo arrivare a 2.600 firme. Anche questo riteniamo ormai un obiettivo a portata di mano nel prossimo fine settimana".

Evidente soddisfazione, quindi, per il comitato promotore: pare plausibile ritenere che a breve il referendum antipesticidi sarà un altro tema che l'amministrazione coneglianese sarà chiamata ad affrontare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome