5 | 1 voto/i

Con il suo gusto leggermente piccantino, lo zenzero rende speciale questo soffice pan brioche perfetto per una colazione a tutto sapore!

Voti: 0
Valutazione: 0
Tu:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Crea un menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
Difficoltà: Media
40 minuti
30 minuti
300 chilocalorie

Ingredienti

Per persone

Istruzioni

  1. Preparate il preimpasto. Sciogliete nella ciotola dell’impastatrice il lievito di birra nel latte tiepido, unite la farina di farro setacciata e mescolate velocemente con una spatola. Sigillate la ciotola con la pellicola trasparente e lasciatela lievitare per circa 8 ore, fino a quando la superficie è piena di bollicine.
  2. Setacciate e mescolate la farina di farro con la farina d’orzo, mettetene da parte 50 g e aggiungete il resto (350 g) nella ciotola del preimpasto. Sciogliete a parte il lievito di birra nel latte di orzo tiepido e versatelo nella ciotola insieme a un uovo. Azionate l’impastatrice a bassa velocità usando il gancio impastatore, poi aggiungete lo sciroppo d’acero e l’albume del secondo uovo (tenete il tuorlo da parte). Unite qualche cucchiaio delle farine messe da parte e lo zenzero in polvere. Aumentate la velocità e fate lavorare per 7-8 minuti finché l’impasto è ben legato. Aggiungete un cucchiaino raso di sale, l’olio a filo, le farine rimanenti e lo zenzero candito a dadini. Continuate a impastare fino a quando l’impasto diventa lucido ed elastico.
  3. Rovesciate l’impasto sulla spianatoia infarinata, dategli una forma a panetto e mettetelo di nuovo nella ciotola spennellata con poco olio. Sigillate il bordo con la pellicola da cucina e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume dell’impasto.
  4. Rovesciate l’impasto sulla spianatoia infarinata, tirate verso l’esterno le estremità e poi ripiegatele verso il centro, sovrapponendo i bordi. Ruotate di un quarto di giro l’impasto e ripetete l’operazione.
  5. Dividete a metà l’impasto e poi ogni metà in 3 parti uguali. Schiacciatele leggermente e arrotolatele in diagonale facendo attenzione a non far fuoriuscire l’aria intrappolata. Fissate insieme a un capo le 3 parti e poi intrecciatele fissando anche l’altro capo. Ripetete l’operazione per il secondo pan brioche.
  6. Ricoprite con carta da forno 2 stampi da plumcake della lunghezza di 26 centimetri. Sistematevi i pan brioche lasciandoli lievitare in un luogo privo di correnti d’aria finché sono raddoppiati di volume.
  7. Spennellate delicatamente la superficie di ciascun pan brioche con il tuorlo dell’uovo battuto con 2 cucchiai di latte di orzo, cospargeteli con una cucchiaiata di zenzero candito. Infornateli a 180 °C per 30 minuti (spruzzate prima un po’ d’acqua nel forno per creare del vapore). Fateli raffreddare su una gratella.
Voti: 0
Valutazione: 0
Tu:
Rate this recipe!
Vota la ricetta
Crea un menu
Per poter creare la tua lista della spesa devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alla lista della spesa
Per poter creare la lista delle tue ricette preferite devi effettuare l'accesso.
Aggiungi alle ricette preferite
Stampa la ricetta
Stampa
5 | 1 voto/i

Pan brioche di farro spelta e orzo allo zenzero - Ultima modifica: 2016-11-23T14:24:10+01:00 da Redazione
Pan brioche di farro spelta e orzo allo zenzero - Ultima modifica: 2016-11-23T14:24:10+01:00 da Redazione

2 COMMENTI

  1. Non ho mai sentito parlare del latte d’orzo. Trovo molto interessanti le vostre ricette e sono un vostro abbonato alla rivista cartacea. A volte con questi ingredienti “strani” ci spiazzate un pò. Dovreste creare una sezione del vostro sito o della vostra rivista in cui trovare spiegazioni approfondite. Potreste in alternativa indicare dove trovarle se già pubblicate. Non date mai per scontato che tutti sappiano, a meno che non sia una rivista riservata ad esperti di cucina, per pochi eletti che già sanno o per pochi che in alternativa si arrendono. Dovrebbe dare più informazioni anche a quelli che si avvicinano o si stanno avvicinando ad un tipo di cucina non classica ma alternativa.
    Cordiali saluti dal vostro fedelissimo lettore Sergio.

    • Ciao Sergio, grazie mille per la segnalazione, prendiamo in considerazione questa tua richiesta che sicuramente anche altri condividono.
      Buona giornata
      Sabina

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome