Come lo conservo
Al gusto di nocciola

nocciole
5 | 1 voto/i

Due idee irresistibili per godere a lungo delle nocciole, frutta a guscio deliziosa e ricca di vitamina E: una semplice crema dolce senza latticini e un pesto al prezzemolo per la pasta

Alimento energizzante, le nocciole sono tra i più apprezzati e gustosi tipi di frutta secca, ottimi semi oleosi perfetti per arricchire di sapore e di proprietà salutari tante preparazioni, dolci e salate. Preferitele sempre in guscio e, se possibile, prendetene in mano una manciata: il peso deve essere consistente, il guscio intatto e le dimensioni uniformi; muovendole tra loro non devono produrre rumori a vuoto, segno di nocciole interne vecchie e rinsecchite.

Essiccarle è facile

Avete abbondanti nocciole fresche, magari appena raccolte in campagna? Potete allungarne la durata essiccandole in questo modo. Pulitele molto bene e poi disponetele, formando un unico strato, in una teglia bassa, e tenetele nel forno a 50 °C per 3-4 ore in base alla quantità infornata. Lasciatele raffreddare e trasferitele in sacchetti traspiranti di carta o per alimenti, tenendole lontane da zone umide e calde. Si mantengono per 5-6 mesi.

Advertisement

2 ricette per gustarle più a lungo

Crema di nocciole tostate 

Per 2 vasetti da 220 ml: 240 g di nocciole sgusciate (equivalenti a circa 450 g di nocciole intere), 200 g di zucchero di canna chiaro, vaniglia in polvere (facoltativa).

1. Disponete le nocciole in una teglia e tostatele nel forno a 150 °C per una decina di minuti. Se preferite, tostatele in padella a calore basso. Lasciatele intiepidire.

2. Strofinate le nocciole tra le dita per eliminare quanta più pellicina possibile, quindi mettetele in una grande ciotola, copritele con abbondante acqua e lasciatele in ammollo per almeno 18 ore.

3. Scolate le nocciole e strofinatele nuovamente per eliminare le restanti pellicine che si staccheranno molto facilmente. Risciacquatele, versatele nel mixer e frullatele molto finemente con 200 ml d’acqua e lo zucchero di canna fino a formare una crema liscia e omogenea. Se piace, profumate il composto con una presa di vaniglia. 

4. Trasferite la crema in una casseruola e a calore basso cuocetela per circa 15 minuti, mescolandola spesso.

5. Distribuite la crema di nocciole in vasetti già sterilizzati, chiudeteli molto bene e metteteli in una pentola d’acqua fredda. Portate a ebollizione e da questo momento calcolate 20 minuti a calore medio e a pentola coperta. Lasciate raffreddate i vasetti nella pentola prima di scolarli. Asciugate ed etichettate. Sistemate la crema in un luogo fresco e buio, quindi lasciatela riposare per almeno 2 settimane prima di consumarla.

Come lo conservo: se mantenuta lontana da luce e calore, la crema si mantiene per 3-4 mesi. Una volta aperta, va messa in frigorifero e consumata nel giro di 5 giorni.

Pesto di nocciole tostate al prezzemolo

Per 2 vasetti da 220 ml: 100 g di nocciole sgusciate (equivalenti a circa 200 g di nocciole intere), 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 1 mazzetto di prezzemolo da 50-60 g, 30 g di foglie interne e tenere di porro (o in alternativa 1 spicchio d’aglio grande), olio e. v. d’oliva delicato, sale.

1. Stendete le nocciole in una teglia e tostatele in forno a 150 °C per una decina di minuti. Oppure tostatele in una padella a calore basso. Lasciatele intiepidire e poi strofinatele tra le dita pelandole con cura.

2. Ricavate le foglie di prezzemolo e asciugatele molto bene dal lavaggio cercando di non rovinarle.

3. Mettete nel mixer le nocciole e le foglie di porro tritate (oppure l’aglio), quindi iniziate a tritare a impulsi fino a ricavare una pasta grezza. A questo punto unite una parte del formaggio con una presa di sale e poi, in più riprese, il prezzemolo, sempre lavorando a impulsi. Unite, quindi, il restante parmigiano e, quando è bene amalgamato, versate a filo 80-100 ml d’olio fino a ottenere una crema morbida. Alla fine controllate il sale.

4. Distribuite la salsa in vasetti già sterilizzati e chiudeteli molto bene. Tuffateli in una pentola d’acqua fredda, portate a bollore, mettete il coperchio e proseguite per 20 minuti a calore medio. Fateli raffreddare nella stessa acqua. Lasciate riposare il pesto per almeno una settimana prima di consumarlo per condire primi piatti di pasta o di cereali in chicchi.

Come lo conservo: il pesto si mantiene per un paio di mesi tenuto in luogo fresco e buio. Quando viene aperto va messo in frigo e utilizzato entro 2-3 giorni.

5 | 1 voto/i

Al gusto di nocciola - Ultima modifica: 2022-11-22T09:09:12+01:00 da Redazione
Al gusto di nocciola - Ultima modifica: 2022-11-22T09:09:12+01:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome