La gestione del rischio climatico nel futuro della Politica Agricola Comune


Una lecture del prof. Geoffroy Enjolras dell’Università di Grenoble, uno dei maggiori esperti di rapporti fra cambiamenti climatici e agricoltura, promossa dall’Istituto nazionale di economia agraria e dalla Fondazione Simone Cesaretti

Nell’ambito della convenzione tra l’Istituto nazionale di economia agraria e la Fondazione Simone Cesaretti sui temi della sostenibilità, l’Istituto ha ritenuto interessante un approfondimento sul tema del rischio climatico e delle politiche collegate, attraverso una lecture del prof. Geoffroy Enjolras dell’Università di Grenoble, uno dei maggiori esperti a livello europeo sulle analisi e le metodologie di valutazione dell’efficacia, efficienza e sostenibilità delle politiche sulla gestione del rischio climatico in agricoltura. La lecture dedicata a "La gestione del rischio climatico nel futuro della Politica Agricola Comune" si è svolta a Roma il 15 gennaio scorso.
Gli strumenti economici per la gestione del rischio in agricoltura negli ultimi anni sono oggetto di un rinnovato interesse e una profonda evoluzione, non solo per la loro sempre maggiore diffusione nelle politiche nazionali di sostegno all’agricoltura, ma anche in relazione al ruolo importante che potrebbero avere come azione di adattamento dell’agricoltura ai cambiamenti climatici. Il contributo che gli strumenti di gestione del rischio possono dare in questo contesto si basa soprattutto sulla loro elasticità e adattabilità alle esigenze delle aziende agricole, ma perché siano efficaci necessitano di forte integrazione in un più generale quadro di politiche e azioni per l’adattamento ai cambiamenti climatici. Inoltre, è fondamentale che nel disegnare questi strumenti economici si mantenga la coerenza con altri obiettivi prioritari dell’agricoltura, primi fra tutti la sicurezza alimentare e la sostenibilità ambientale.

Il testo in inglese della lecture del professo Geoffroy Enjolras si può scaricare qui

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here