Presciistica homemade
Sciare al top: la preparazione per evitare infortuni

sci
5 | 1 voto/i

Complice la scorsa stagione che ha lasciato gli sciatori a bocca asciutta, indossare gli scarponi quest’anno è ancora più atteso ed emozionante. Perché la neve possa regalare solo pura adrenalina, è però necessario prestare molta attenzione alla preparazione per evitare lesioni ed infortuni sugli sci. Ecco i consigli del nostro esperto Alberto Sabbioni

Sia che si tratti di neofiti che di sciatori veterani, c’è una regola comune: dalle piste non bisogna mai farsi trovare fisicamente impreparati. «Prima di indossare gli sci – ci ha spiegato Alberto Sabbioni, chinesiologo massoterapista, esperto in allenamento, postura e ricondizionamento muscolare - è bene prepararsi fisicamente prima, focalizzandosi soprattutto sulla parte inferiore del corpo e sui muscoli del core, quindi gli addominali e i lombari. Esercizi basici come squat sono quindi una scelta obbligata. Inoltre, rafforzare la forza e stabilità del tronco è una componente essenziale per le performance sulla neve».

Nella pratica dello sci è richiesto un mix molto vario di capacità che necessitano di allenamento: rapidità, agilità, equilibrio, anticipazione, forza resistente, forza esplosiva, sforzo aerobico e anaerobico.

Advertisement

Regola uno: fare squat

L’esercizio principe per migliorare la forza degli arti inferiori è lo squat. È importante eseguire il movimento perfettamente in modo lento e controllato: in piedi, con le braccia lungo i fianchi, le gambe posizionate in linea con le spalle e le punte dei piedi leggermente ruotate verso l’esterno. Quindi piegare le ginocchia come per sedersi su un piano, spingendo il bacino all’indietro e portando le braccia all’altezza delle spalle. Quindi risalire, distendendo le ginocchia e riportando le braccia lungo il corpo.

«Anche gli affondi sono un’ottima soluzione per allenare in maniera asimmetrica la muscolatura della gamba e migliorare le stabilità di anche e ginocchia, così come quella del tronco».

Gambe forti

La dinamica dello sci impegna la muscolatura dell'arto inferiore con tre tipi di contrazioni:

  • concentrica, espressa nella distensione degli arti inferiori in uscita dalle curve;
  • eccentrica, espressa nel piegamento che precede la curva, nelle fasi di ammortizzazione post-dosso;
  • isometrica, richiesta nelle fasi di stabilizzazione della posizione

I MUSCOLI DEL CORE

Costituiti dagli addominali e da quelli della bassa schiena, i muscoli del core forniscono un supporto fondamentale quando vengono eseguite delle contrazioni statiche molto comuni nelle performance sciistiche. «Mantenere posizioni specifiche dai 30 ai 45 secondi è particolarmente efficace, soprattutto perché è possibile allenarsi a tenere queste contrazioni con durate superiori a quelle generalmente richieste nei movimenti statici quando occorre ‘svoltare’ per superare un paletto».

Stabilità, equilibrio e forza esplosiva

«Mentre si scia è spesso necessario generare forza in posizioni che prevedono una rotazione della colonna rispetto al bacino. Ecco perché è importante eseguire in modo controllato e con tronco ben stabile, esercizi in rotazione con un carico aggiuntivo.

Per migliorare la forza esplosiva, invece, bisogna essere in grado di eseguire gli esercizi delle gambe in modalità dinamica, cercando di accelerare nella fase attiva del movimento. È importante essere certi di eseguire perfettamente movimenti di questi tipo al fine di evitare infortuni durante l'allenamento. Potrebbe anche essere necessario di farsi seguire da un trainer esperto».

PROGAMMA D’ALLENAMENTO

Ecco un programma base studiato dal nostro esperto Alberto Sabbioni per la preparazione fisica di sciatori amatoriali in vista della nuova stagione sciistica.

Gli esercizi proposti si possono effettuare ovunque, gli attrezzi richiesti sono una fitball e, se si vuole intensificare il carico, è possibile utilizzare anche un sovraccarico come un manubrio, un disco o una kettlebell.

 

 

 

 

 

Eseguire questi esercizi almeno 3 volte a settimana 1 mese prima di cominciare la stagione.

Se durante l’anno non si svolge alcuna attività fisica, allora sarebbe meglio iniziare con questo programma di allenamenti almeno 3 mesi prima per evitare infortuni.

Buon allenamento e buona sciata!

 

5 | 1 voto/i

Sciare al top: la preparazione per evitare infortuni - Ultima modifica: 2021-12-20T08:04:31+01:00 da Sabina Tavolieri
Sciare al top: la preparazione per evitare infortuni - Ultima modifica: 2021-12-20T08:04:31+01:00 da Sabina Tavolieri

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome