Cibo e linea
Cellulite KO con i cibi giusti


L’odiatissima pelle a buccia d’arancia, più che un inestetismo va considerata un campanello d’allarme di una dieta poco salutare. Ecco gli alimenti più utili per diventare, oltre che più belle, anche più sane!

Sfatiamo subito una leggenda: non è affatto vero che, una volta apparsa, la cellulite non ci abbandonerà mai più. Questo inestetismo è lì per segnalare che il nostro stile di vita dovrebbe essere migliorato. La cellulite deriva da un danno al microcircolo, causato spesso dal consumo di grassi dannosi, bevande alcoliche, troppi zuccheri e poco movimento. Certo, è anche vero che, in parte, questo malfunzionamento dei vasi che produce edema e infiammazione è influenzato dalla genetica, ma non dimentichiamo che l’espressione dei geni è pilotata dal cibo che ingeriamo. Le tante sostanze che proteggono il microcircolo sono quelle che troviamo nei vegetali di diversi colori, che dovremmo mangiare in abbondanza, mentre dovremmo evitare l’eccesso di sale e di grassi, specialmente quelli saturi, i dolci e gli alimenti a base di cereali raffinati. Ecco alcune abitudini dietetiche efficaci sia per prevenire che per contrastare la cellulite.

Iniziare i pasti con un piatto di verdure, magari crude, che forniscono antiossidanti utili per il microcircolo.

Arricchire i piatti di cereali integrali con tanti ortaggi. Ottanta grammi di pasta sembreranno di più se saranno conditi con verdure. Aggiungere spesso anche i legumi, come nella ricetta dei Paccheri, in modo di ottenere piatti completi e nutrienti.

Preferire spuntini salutari a base di frutta fresca e frutta a guscio, per fare il pieno di vitamine, minerali e antiossidanti.

La cellulite in numeri

700 milligrammi: sono le antocianine che possiamo trovare in 100 g di mirtilli. Questi potenti antinfiammatori, oltre ad aumentare l’elasticità dei vasi, riducono il volume degli adipociti, aiutando a sconfiggere la cellulite.

3,5 chilometri: sono i chilometri che una donna di circa 60 kg di peso dovrà percorrere di corsa per smaltire una semplice brioche. La combinazione di zucchero e grassi saturi è particolarmente dannosa per chi soffre di cellulite.

5 grammi: È la dose giornaliera massima di sale consigliata dall’OMS, pari a 2 g di sodio e gli italiani ne consumano il doppio. Troppo sodio causa ritenzione idrica e peggiora la funzionalità dei capillari.

Ecco i plus della ricetta dei paccheri

  • Trasformando i vegetali in crema si possono sostituire egregiamente salse elaborate come besciamella o maionese, senza però apportare grandi quantità di grassi il cui eccesso aumenta la cellulite.
  • Aggiungere erbe fresche come il prezzemolo dopo la cottura, oltre ad apportare sostanze utili per il microcircolo che verrebbero distrutte dal calore, dona un tocco di stile al piatto. Ricordiamoci che si mangia anche con gli occhi!
  • Alla pietanza sono state aggiunte erbe e spezie antifermentative e carminative. Rosmarino e zenzero eviteranno la formazione di gonfiori, permettendo di consumare senza pensieri i salutari legumi.
Paccheri alla doppia crema di legumi
Difficoltà: facile
Preparazione: 30 minuti
Cottura: 55 minuti
Ricetta di Roberta Rossi Brunori

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome