Io faccio di più
Le Carline, vini biologici per una green economy


Informazione Pubblicitaria

L'azienda agricola Le Carline si trova in provincia di Venezia, nel cuore dell’area viticola biologica più grande d’Europa e si occupa di viticoltura bio da 30 anni. Questo fa sì che da sempre Le Carline è sinonimo di vini certificati biologici, vegani e senza solfiti aggiunti.

Anni fa l’azienda ha iniziato la produzione di vini senza l’aggiunta di solfiti e oggi questa linea è composta da ben 5 vini: il Refosco dal Peduncolo Rosso, il Cabernet, il Bianco, il Merlot e il Pinot Grigio.

La produzione aziendale è certificata biologica e vegana da ICEA, oltre ad aver aderito, con il progetto “Winezero”, a protocolli di controllo e analisi sulla quantità di gas ad effetto serra che viene prodotta durante il processo produttivo (impronta carbonica), per mettere in atto scelte comportamentali e operative tali da ridurre ulteriormente le emissioni di CO2 nei vari ambiti e procedure aziendali: in vigneto, in cantina, nell’ambito dei trasporti, dell’approvvigionamento dell’energia elettrica (da anni l’azienda è totalmente autosufficiente grazie ad un impianto fotovoltaico) e delle infrastrutture.

I dati raccolti dall’azienda per il calcolo della “carbon footprint” sono stati elaborati attraverso l’utilizzo di Ita.Ca (Italian wine carbon Calculator), unico calcolatore italiano conforme al protocollo dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del vino (OIV), che permette di stimare la quantità di gas a effetto serra prodotta durante un processo produttivo.

Le Carline è stata iscritta a CO2 RESA – Registro Emissioni Settore Agroalimentare, il primo Registro in Europa dedicato alla valorizzazione dei crediti di carbonio sul mercato volontario del settore agroalimentare e ha ricevuto da Valoritalia l‘attestato di conformità ai requisiti UNI EN ISO 14064-1:2012. Questa norma specifica i principi e i requisiti per la quantificazione, la rendicontazione e la rimozione delle emissioni di gas ad effetto serra immessi nell’ambiente da un’azienda.

Nel 2014 Le Carline ha conseguito l’ambito riconoscimento di “Migliore cantina green d’Italia” con il premio “Impronte d’eccellenza. Tecniche agronomiche sostenibili per una viticultura di valore”, promosso dall’Associazione Città del Vino in collaborazione con Cifo.

“Le Carline – racconta Daniele Piccinin, titolare dell’azienda – è da sempre sostenitrice di una viticoltura attenta all’ambiente, che considera il concetto di “green economy” come motore dello sviluppo. Scegliamo di attuare pratiche colturali conservative e rispettose del ciclo naturale della pianta: questo ci consente di far crescere uve sane, obiettivo principale per ottenere vini di alta qualità. Questo premio ci dà energia e nuovi stimoli per il miglioramento continuo e per cercare sempre nuove soluzioni che contribuiscano all’efficienza produttiva salvaguardando l’impatto ambientale.”

Recentemente la produzione aziendale, nell’ottica di una viticultura maggiormente sostenibile, si è arricchita della linea di vini RESILIENS da vitigni resistenti PIWI con un bianco, un rosso e uno spumante dolce, che nascono appunto da uve capaci di resistere alle avversità, ottenute dopo diversi incroci tra vitigni del Nord Europa, che hanno dimostrato le migliori caratteristiche di resistenza alle malattie fungine e tra vitigni antichi presenti da sempre nel nostro territorio, che permettono di mantenere le caratteristiche tipiche e varietali autoctone.
“Grazie alle varietà resistenti – afferma Daniele Piccinin – abbiamo creato vigneti che oltre all’alto livello qualitativo, consentono anche un’elevata sostenibilità ambientale, tema da sempre al centro della nostra missione aziendale. Questi vitigni infatti sono resistenti principalmente alla peronospora e all’oidio, le due malattie della vite più temute dai viticoltori e necessitano quindi solo di pochi trattamenti”.

Il nostro obiettivo era quello di far incontrare in vigna e in cantina la tradizione con la scienza e l’innovazione: i nostri vini sono il frutto di questo successo.

 

Le Carline, vini biologici per una green economy - Ultima modifica: 2019-07-15T14:29:08+00:00 da Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome