Novità nel banco frigo
Latte, sempre più amico della salute

Bricco e bicchiere di latte con mandria
3 | 2 voto/i

Due grandi aziende, Granarolo e Parmalat, hanno appena messo sul mercato nuove tipologie di latte, che si distinguono per diverse valenze salutistiche. Vediamo che cosa cambia

Il latte sembra un cibo semplice, eppure è proposto in infinite varianti. Nell’ultimo periodo sono comparsi sul mercato due nuovi tipi, che si propongono come più salutari per il consumatore.

Il Latte betacaseina A2 Granarolo…

Nel latte, la betacaseina è la proteina più abbondante. Scopriamo che può avere diverse strutture: le principali sono la A1 e la A2.

Advertisement

La variante A2 è quella primordiale. In passato, le vacche producevano un latte la cui proteina era unicamente A2, ma nel corso del tempo si è assistito a cambiamenti e mutazioni nel patrimonio genetico che hanno portato alla comparsa di altre varianti come la A1. Da quel momento, le vacche sono state in grado di produrre latte con entrambe le proteine.

Ma qual è la differenza tra le due proteine, e come questa si riflette sul latte che le contiene?

confezione di latte granarolo

A partire dagli anni 2000 sono stati pubblicati diversi studi scientifici in letteratura dedicati al latte con la beta-caseina A2, dai quali emergerebbe una maggiore digeribilità. Normalmente il latte, quando viene digerito, libera una porzione di proteina che interagisce con il tratto gastrointestinale causando, in alcuni soggetti più sensibili, sintomi correlati con la maldigestione. Nella digestione del latte A2, invece, non si verifica la formazione di questo frammento di proteina, trasferendo così una sensazione di maggiore leggerezza.

Nelle mandrie dei soci che forniscono il latte a Granarolo la variante A2A2 è presente mediamente nel 25-30 % delle bovine. Attraverso un progetto di studio con il CREA-PCM di Monterotondo (società del MIPAAF) è stato messo a punto un metodo analitico per l’individuazione delle varianti presenti per ogni animale, successivamente ripreso dalla facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Bologna, dove attualmente vengono svolte le analisi delle bovine destinate a questo tipo di produzione.

Il Latte Betacaseina A2 Granarolo è un latte intero pastorizzato a temperatura elevata, 100% italiano perché proveniente dagli allevamenti di alcuni soci-allevatori della filiera Granarolo appositamente selezionati per produrre questa tipologia di latte, in un’esclusiva confezione da fonti vegetali e rinnovabili, certificata a Zero Emissioni di CO2 da Carbon TrustTM.

…e quello con la vitamina D di Parmalat

In molti Paesi nel mondo la vitamina D viene aggiunta al latte. In alcuni è un obbligo legislativo, in altri è un approccio consigliato. Il latte è considerato un veicolo ideale per questa integrazione in quanto è un alimento di uso quotidiano, è consumato da larghe fasce della popolazione e la sua composizione lo rende adatto per trasportare molti composti bioattivi, tra i quali la vitamina D. Infatti la struttura delle proteine e dei lipidi sono progettate dalla natura per agire anche da veicolo e fornire all’organismo nutrienti e composti bioattivi.

latte Parmalat con vitamina D“Da oggi tutto il latte tradizionale UHT e microfiltrato Parmalat conterrà vitamina D, una scelta importante con cui vogliamo contribuire al benessere di tutti i nostri consumatori con un gesto semplice come bere il latte ogni mattina - afferma Giuliano Gherri, Direttore Marketing Parmalat – Consapevoli della nostra responsabilità nei confronti delle famiglie italiane, questa innovazione è parte della campagna «Facciamo D Più» con cui vogliamo creare ancora più conoscenza attorno a questa preziosa sostanza e lo facciamo portando sulle loro tavole un’innovazione frutto di un intenso lavoro di ricerca e sviluppo. Parmalat conferma quindi la propria vocazione all’innovazione con un’attenzione particolare alle esigenze dei consumatori di oggi.”

 

 

 

3 | 2 voto/i

Latte, sempre più amico della salute - Ultima modifica: 2021-04-19T15:03:49+02:00 da Redazione
Latte, sempre più amico della salute - Ultima modifica: 2021-04-19T15:03:49+02:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome