Primo posto al Sagrantino 2012 nel concorso Internationaler Bioweinpreis


Con il punteggio di 99/100, il vino prodotto in Umbria nell’area del Montefalco vince l’edizione 2017 del premio

Su 1.094 etichette in gara da 25 Paesi, il Montefalco Sagrantino Docg di Antonelli San Marco si aggiudica il primo posto con 99/100 e la medaglia Top Gold al prestigioso concorso Internationaler Bioweinpreis. Ne da notizia una nota dell’agenzia AGI. Dopo gli spagnoli, i sudafricani, gli austriaci e i portoghesi all'ottavo e al nono vino si ritrovano due altri italiani, un Valpolicella Superiore e un Amarone.
"Pensiamo di aver fatto un'importante scelta di qualità con un progetto che ci ha visto impegnati per anni e che adesso ci viene riconosciuto da questo prestigioso premio - commenta il produttore Filippo Antonelli -. Il biologico è un metodo di coltivazione che ci interessa molto perché ci permette di avere non solo uve più sane, ma crediamo anche più buone; in quanto comporta una maggiore attenzione alle esigenze dei singoli vigneti per ottenere un maggior equilibrio vegetativo e produttivo. Una migliore qualita' delle uve ci mette in condizione di produrre vini d'alta qualità".
Buoni risultati anche per un altro vino di Antonelli San Marco, il Montefalco Rosso 2014 Doc, che ottiene 92/100 e la medaglia Gold.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here