Vinitaly

Bio e sostenibilità: perché convengono anche nel vino?


In un convegno organizzato da CCPB e Certiquality, presentati e discussi una serie di servizi di certificazione che offrono alle aziende e al mercato metodologie garantite e affidabili di calcolo e di valutazione della sostenibilità

Oltre 70 cantine hanno partecipato al convegno “Bio e sostenibilità: perché convengono anche nel vino?”, organizzato per Vinitaly 2017 da CCPB e Certiquality.

I due organismi di certificazione – si legge in un comunicato stampa - hanno presentano insieme una serie di servizi di certificazione che offrono alle aziende e al mercato metodologie garantite e affidabili di calcolo e di valutazione della sostenibilità. In apertura dell’incontro Umberto Chiminazzo, direttore generale Certiquality, spiega: “tutte le ricerche mostrano come i consumatori siano alla ricerca della sostenibilità, tanto da esser disposti a pagare un po’ di più, e a cambiare le proprie abitudini di spesa”. La certificazione, aggiunge Fabrizio Piva, amministratore delegato CCPB, “serve allora a garantire che queste scelte dei consumatori e le strategie delle aziende portino risultati, chiari e trasparenti”.

Il convegno, moderato da Marco Menghini, agronomo e consulente scientifico Linea Verde - Rai1, si è aperto con Lucrezia Lamastra dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. Nel suo intervento “Fare sostenibilità: quali vantaggi per le aziende del settore” ha spiegato come la sostenibilità costituisca un vantaggio, anche economico: “le aziende che scelgono di essere sostenibili riescono a indirizzare le proprie pratiche aziendali in modo da rispondere alle esigenze di un mondo e un mercato che cambiano”.

Davide Pierleoni di CCPB si è soffermato sugli “Aspetti tecnici e commerciali nella Certificazione Bio e Vegan del vino”. Se il biologico cresce a ritmo sostenuto sia nei consumi che nelle superfici coltivate, il vegan si affaccia adesso al mercato. “Tra i punti i comune ci sono il benessere animale e la sostenibilità ambientale dei prodotti e dei processi, mentre tra le differenze spiccano la certificazione regolamentata per il bio, volontaria nel vegan, e soprattutto il divieto di utilizzo di ingredienti e additivi di origine animale per i prodotti vegani”.

Santina Modafferi di Certiquality è partita dai criteri che guidano la sostenibilità negli acquisti della GDO e della pubblica amministrazione: “rispettare parametri etici, sociali e ambientali è sempre più richiesto dal mercato; il settore pubblico, anche con il nuovo codice appalti (Green Public Procurement), chiede criteri ambientali minimi e una certa percentuale di acquisti verdi legati alla sostenibilità”. Diverse certificazioni come IFS, Emas, EPD, possono aiutare le aziende a raggiungere questi obiettivi.

Sabrina Melandri di Certiquality ha presentato VIVA, un “programma volontario promosso dal Ministero dell’Ambiente, che attraverso l’utilizzo di 4 indicatori, mira a individuare, misurare e migliorare gli impatti ambientali, sociali ed economici nel settore vitivinicolo. I 4 indicatori (Aria, Vigneto, Acqua, Territorio), possono essere calcolati facendo riferimento ad uno o più prodotti, oppure all’organizzazione nel suo complesso”. Insieme a VIVA, SOStain è un programma volontario sviluppato in Sicilia che punta “miglioramenti graduali e continui nel tempo del livello di sostenibilità”.

Giuseppe Maio ha ricordato come CCPB proponga diversi schemi di certificazione per valutare la sostenibilità anche in viticoltura: EPD (Environmental Product Declaration), carbon e water footprint. “Tutte si basano sull’analisi LCA Life Cycle Assessment (LCA), la metodologia, ormai consolidata a livello internazionale, per la quantificazione degli impatti ambientali dei prodotti durante tutta la loro vita. La certificazione aiuta l’azienda a conoscere, sviluppare e promuovere, in termini di marketing, la propria gestione ambientale”.

Anche quest’anno CCPB è al Vinitaly con uno spazio negli stand del Consorzio il Biologico (pad. 8 F5), insieme a 50 aziende certificate per il vino bio e a denominazione di origine. CCPB opera come organismo di certificazione e controllo dei prodotti agroalimentari e “no food” ottenuti nel settore della produzione biologica e in quella eco-compatibile ed eco-sostenibile. Oggi CCPB certifica 11.000 aziende, di cui circa 10.000 nel settore biologico, un terzo del fatturato complessivo del comparto biologico italiano viene certificato da CCPB.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here