Come lo conservo
Chicchi d’uva in barattolo

uva

La naturale dolcezza dell'uva risulta ideale per ottenere deliziose conserve o una salsa da congelare. Ecco le tre ricette golose, sane e anti spreco

Dal grappolo al vasetto, ecco tre modi semplici e golosi per conservare i succosi acini d'uva e gustarli in inverno: in gelatina, in sciroppo e in salsa.

Gelatina di uva nera alla menta

Per 2 vasi da 270 ml: 500 g di uva nera, 180 g di zucchero, 15 foglie di menta, 10 g di pectina formulazione 2:1

Advertisement

1. Eliminate i semi dai chicchi d’uva. Poi frullateli velocemente e passate il ricavato attraverso un colino raccogliendo il succo in una ciotola: dovreste ottenerne circa 360 ml (in alternativa potete usare un estrattore o una centrifuga.)

2. Versate il succo d’uva in una pentola d’acciaio dal fondo spesso e unite la menta. A parte, mescolate la pectina con lo zucchero e poi aggiungetela al succo. Continuando a mescolare, portate a bollore e proseguite per 3 minuti a calore vivace.

3. Levate dal fuoco e lasciate riposare per uno-due minuti prima di verificare la consistenza della gelatina versandone una piccola quantità su un piattino. Se dopo 30-40 secondi inclinando il piatto si addensa rapidamente senza scivolare vuol dire che è pronta. Se invece è ancora piuttosto liquida, continuate la cottura per almeno un altro minuto.

4. Distribuite la gelatina nei barattoli già sterilizzati, lasciando o togliendo la menta a scelta. Chiudeteli molto bene, capovolgeteli e lasciateli raffreddare. Sistemate i vasi al riparo da luce e calorie, quindi aspettate almeno 2 settimane prima di aprirli. Oltre che per la prima colazione, usate la gelatina per farcire crostate, biscotti e torte in generale.

Uva bianca in sciroppo all’anice stellato

Per 2 vasi da 380 ml: 400 g di chicchi di uva bianca preferibilmente senza semi (equivalenti a un grappolo da circa 450 g), 200 g di zucchero, 1 cucchiaio di miele d’acacia, 2 bacche di anice stellato

1. Versate in una casseruola 200 ml d’acqua, unite lo zucchero e l’anice stellato. Quindi, a fuoco dolce, portate a bollore mescolando per far sciogliere bene lo zucchero. Solo a questo punto aggiungete il miele, aspettate 30 secondi e poi spegnete il fornello.

2. Unite subito allo sciroppo i chicchi d’uva, già tamponati se ancora bagnati dal lavaggio e privati eventualmente dei semi (nel caso cercate di lasciarli il più possibile intatti), quindi lasciateli in infusione per 5 minuti.

3. Prelevate l’uva con una piccola schiumarola e trasferitela nei vasi già sterilizzati recuperando anche l’anice stellato. Lasciate lo sciroppo sul fornello facendolo ridurre di circa la metà, poi versatelo sull’uva e chiudete i barattoli molto bene.

4. Mettete i vasi in una pentola ricoprendoli con abbondante acqua fredda, portate a ebollizione e proseguite per 20 minuti. Lasciateli raffreddare nella stessa acqua.

5. Lasciate riposare la conserva al riparo da caldo e luce per almeno 15 giorni prima del consumo.

Una salsa double face

Se vi ritrovate dell’uva un po’ rovinata o invecchiata, potete comunque trasformarla in un ottimo ingrediente da usare sia in piatti dolci che salati. Procedete così.

Eliminate i semi e le parti rovinate dei chicchi, quindi tagliate questi ultimi a metà e saltateli in padella per 3-4 minuti a calore alto senza aggiungere altro. Lasciate raffreddare.

Decidete se tenerla così grossolana oppure frullarla riducendola in crema (e passarla al setaccio se preferite eliminare al massimo le bucce). Quindi trasferite la salsa in un contenitore e mettetela nel freezer dove si conserva fino a un mese.

Addolcite la salsa d’uva come preferite. Ad esempio con miele o uno sciroppo dolce a scelta, e aromi come vaniglia o cannella. Così diventa una crema deliziosa per arricchire yogurt al naturale o accompagnare un dolcetto.

Potete, in alternativa, salarla leggermente e condirla con olio al peperoncino (o con olio più un pepe aromatico) e anche poco aceto se amate l’agrodolce. Quindi profumatela con erbe come alloro, rosmarino o timo. Provatela per accompagnare formaggi, ortaggi al vapore o pesce alla griglia.


Chicchi d’uva in barattolo - Ultima modifica: 2022-09-27T08:02:20+02:00 da Redazione
Chicchi d’uva in barattolo - Ultima modifica: 2022-09-27T08:02:20+02:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome