Lo coltivo da me
Fiori di una notte di mezza estate

fiori
5 | 5 voto/i

Se amate stare all'aperto nelle sere d'estate non lasciatevi scappare questi fiori, che danno il meglio di sé dopo il tramonto

La magia delle notti d’estate non è completa senza qualche fiore che sboccia di sera proprio per voi. Le 4 che vi consigliamo non sono per niente difficili e non passano certo inosservate: la bella di notte è molto colorata, il trombone d’angelo è molto grande, l’ipomea e il gelsomino notturno sono molto profumate. Sono molto diverse fra loro, ma tutte vogliono una posizione soleggiata, o al massimo a mezz'ombra: hanno bisogno di incamerare caldo e sole di giorno per dare il meglio di sé la notte e sprigionare molto profumo. Anche il bisogno di acqua costante le accomuna, soprattutto il trombone che prospera se il terreno è sempre leggermente fresco.

E tutte non sopportano il freddo. Per la bella di notte non c'è problema, è una pianta annuale, ma il trombone d'angelo e il gelsomino notturno vanno messi al riparo quando le temperature scendono sotto lo zero.

Advertisement

La più colorata: bella di notte

Il suo nome è una garanzia. Fino alle 5 del pomeriggio la bella di notte (Mirabilis jalapa) è una pianta trascurabile, da quel momento in poi però apre le corolle e mostra al mondo i suoi petali di mille colori. E non è un modo di dire: conosce tutte le sfumature, dal bianco al giallo al rosso, passando per il rosa e mille screziature, anche nello stesso fiore. In più è profumata e davvero facilissima. Si possono piantare i semi anche in questa stagione, a pochi centimetri di profondità, e in meno in un mese circa avrete già i primi fiori. È una pianta che si ammala difficilmente e ha bisogno solo di acqua. Si adatta a qualsiasi tipo di suolo e alla grandezza del vaso: se è piccolo non sarà più alta di 30 centimetri, in piena terra arriva anche a 70.

La più profumata: gelsomino notturno

Perfino Pascoli ha dedicato una poesia al gelsomino notturno (Cestrum nocturnum). È famoso soprattutto per il suo profumo che assomiglia a quello del gelsomino. I fiori, piccoli e per lo più giallini, non sono granché, ma la pianta è bella. È una semirampicante che va assicurata a un sostegno e riparata dai forti venti. Ha bisogno di un terreno ben concimato, con argilla espansa sul fondo, e tanta acqua, specie se in vaso. Se d’estate la vedete un po' sofferente datele un po' di concime liquido per fiori. D'inverno sopporta temperature di pochi gradi sotto lo zero, quindi chi vive al Nord deve proteggere le radici con paglia o foglie e coprirla con tessuto non tessuto.

La più magica: fiore di luna

Gli inglesi la chiamano Moonflower, fiore di luna, un nome molto azzeccato perché l’Ipomoea alba è una campanella bianca, rotonda e molto grande. È una rampicante, che appartiene alla famiglia dei convolvoli e nel tempo può crescere anche parecchi metri. I suoi fiori si schiudono verso il crepuscolo e rimangono aperti fino a mezzogiorno del giorno successivo, quindi la si può godere in parte anche di giorno. È una bella pianta dalle foglie a forma di cuore, perfetta per riempire i graticci. Per dare il meglio di sé ha bisogno, oltre che di sole, di un terreno ben drenato e di abbondante acqua. Non è per niente rustica e d'inverno va coperta.

La più grande: trombone d'angelo

Il suo nome botanico è Brugmansia ma tutti la chiamano trombone d’angelo. Non solo perché i suoi fiori a forma di tromba possono essere grandi anche 25 centimetri, ma anche perché sbocciano con grande generosità per tutta l'estate, liberando dopo il tramonto un buonissimo profumo. Anche questa è una pianta robusta, a cui basta sole e un poco d'acqua per prosperare in qualsiasi tipo di terreno. Se la piantate in un vaso grande diventerà un alberello, alto circa 2 metri. D'inverno al Nord va riparata con un tessuto non tessuto.

 

 

 

 

5 | 5 voto/i

Fiori di una notte di mezza estate - Ultima modifica: 2021-07-02T08:44:42+02:00 da Sabina Tavolieri
Fiori di una notte di mezza estate - Ultima modifica: 2021-07-02T08:44:42+02:00 da Sabina Tavolieri

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome