Lo coltivo da me
Fatevi sedurre dalla plumeria

5 | 1 voto/i

Belli, carnosi, dal profumo sensuale, questi fiori ci trasportano in un quadro di Gauguin. Possono crescere anche in vaso e non sono nemmeno difficili da coltivare

È il classico fiore che le hawaiane intrecciano per fare ghirlande e che le ballerine balinesi mettono tra i capelli. Però, a sorpresa, ha una lunga tradizione anche in Italia e in particolare in Sicilia, dove ha trovato un clima ideale. Sull'isola la chiamano pomelia ed esistono perfino delle varietà autoctone. Nel resto d'Italia è spesso chiamata frangipani, dal nome del nobile profumiere che già nel '500 ne aveva estratto l'essenza. Alcune varietà sono alberi, ma molte sono arbusti compatti e adatti al vaso. Tutte in ogni caso fioriscono per tutta l'estate. Ne esistono di tantissimi tipi, scegliete voi da quale farvi sedurre.

Scegli la tua plumeria

 Le più grandi
Con Sawitta rainbow si parla di fiori grandi circa 10 centimetri, però anche la pianta non scherza come dimensione e ha bisogno di spazio. Se volete esagerare golden dolphin ha petali tricolori (gialli, bianchi, rossi) e corolle che arrivano a 13 centimetri.

 

Le più piccole
Se avete poco spazio scegliete una Mini White ha una forma compatta, a cespuglio, perfetta per il vaso. I fiori, bianchi con l'interno giallo, sono piccoli, ma molto profumati ed estremamente rifiorenti. Anche Super round è minuta e ha splendidi petali color pesca, però non è molto profumata.

 

Le più profumate
Scentsational è famosa per l'intensità e la dolcezza della fragranza, a metà fra gelsomino e tuberosa. Se preferite un aroma più fruttato potete optare per California sunset dall'odore di pesca. E se siete golose, l'ibrido 4048 profuma di porcini.

Le più rifiorenti
Se volete una fioritura lunghissima e copiosa scegli Mystique (nella foto) è una varietà nuova e compatta, che sta bene in vaso. Anche gemini è molto generosa e ha tonalità simili, ma i fiorellini sono a forma di stella. La più produttiva in assoluto è però divine, anche se è meno appariscente.

 

 

Le più strane
Famosa per i petali che sembrano nastrini, la plumeria stenopetala (nella foto) è una specie molto rara. È un cespuglio dalle foglie strette e dai fiori che hanno un'intensa fragranza simile al gelsomino. Anche bali whirl è particolare perché è una delle poche varietà a fiore doppio.

 

 

Le made in Italy
Se preferite il fascino mediterraneo, in Sicilia alcune varietà appartengono ormai alla tradizione, come la Daeng vaccarella. È rustica e con un fiore molto profumato anche se di piccole dimensioni. La più vistosa, con i suoi colori gialli e fucsia, è però la Milazzo fire.

Come si coltiva

Se avete un giardino e abitate al Sud coltivare la plumeria è davvero semplice: vi basta metterla al sole, lei si adatta a qualsiasi terreno e anche ai periodi di siccità. Ma se d'estate la innaffiate ogni settimana con acqua e un fertilizzante per piante grasse diventa splendida. Se invece vivete al Nord dovete per forza coltivarla in vaso. Seguendo queste regole.

La scelta
Comprala in un vaso del diametro di almeno 15 centimetri e verificare che la pianta sia alta circa 30-40 centimetri. Non ha bisogno di essere rinvasata il primo anno perché non ha radici molto ingombranti. Poi sarà necessario metterla in un contenitore leggermente più grande almeno ogni due anni.

La posizione
Ha bisogno di una posizione assolata in un'area asciutta e ventilata.

Il terreno
Create un composto fatto di torba, argilla espansa e terriccio da orto in parti uguali. Se potete al posto del terriccio da orto raccogliete la terra in un prato o in un giardino, è molto ricca di sostanze minerali.

L'acqua
Durante la bella stagione l'ideale è annaffiare poco ma tutti i giorni. Se non avete molto tempo o vi dimenticate, bagnate in abbondanza e poi aspettate che il terreno sia asciutto prima di irrigare di nuovo.

I fertilizzanti
Usate un concime con poco azoto. I fertilizzanti per piante grasse o da frutto in genere hanno i requisiti adatti. Potete sceglierne uno liquido da aggiungere all'acqua ogni tre irrigazioni o  uno a lenta cessione, da rinnovare in base alle indicazioni.

In inverno
Quando la temperatura scende sotto i 5-8 gradi va messa al riparo. Scegliete un locale asciutto, anche poco luminoso, con una temperatura di almeno 10 gradi. Annaffiate una volta al mese e sospendete ogni concimazione. Andrà riportata all'aperto in aprile quando la temperatura notturna è superiore ai 16 gradi.

Con le foto e il contributo di Chersoneso Piante 

 

 

 

 

 

 

 

5 | 1 voto/i

Fatevi sedurre dalla plumeria - Ultima modifica: 2020-08-07T07:53:49+02:00 da Sabina Tavolieri
Fatevi sedurre dalla plumeria - Ultima modifica: 2020-08-07T07:53:49+02:00 da Sabina Tavolieri

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome