Rimedi naturali
Strategie antizanzara

zanzara
4.7 | 9 voto/i

Tutto quello che potete fare per tenere lontane le zanzare, antipatici insetti estivi. E per evitare il prurito dopo la loro puntura

Siamo sinceri l’attacco delle zanzare è ancora oggi capace di rovinare una serata. E chi si è dimenticato di portare lo spray, lo rimpiange amaramente. Ma siamo sicuri di sapere cosa ci spruzziamo sulla pelle? Scegli il prodotto che fa per te in base alle tue necessità. È ovvio che durante un viaggio in paesi esotici non si deve lesinare sull’antizanzare, mentre per una serata in città può bastare un mix di oli essenziali.

I PRICIPI ATTIVI ANTIZANZARE

Il Deet è il più utilizzato. Sull’etichetta si può leggere N,Ndiethyl-m-toluamide o dietiltoluamide. È davvero efficace, inserito nei prodotti in una percentuale in genere compresa fra il 7 e il 33%, protegge dai morsi da quattro a otto ore. Crea una barriera di vapore sulla superficie della pelle che scoraggia gli insetti dall’appoggiarsi. Test clinici hanno però dimostrato la sua capacità di penetrare attraverso la pelle e di poter essere causa di dermatiti, reazioni allergiche o, anche se molto raramente, neurotossicità. È vietato l’uso sui bambini al di sotto dei 3 anni e fino ai 12 anni andrebbe messo da un adulto, che se lo spruzza prima sulle mani.

Advertisement

L’Icaridina è una molecola relativamente nuova, messa a punto dalla Bayer. È chiamata anche Picaridina, o KBR 3023 ed è presente nei preparati in una concentrazione che va dal 10% al 20%, garantisce una protezione da 4 a 8 ore. In caso di uso non corretto, la picaridina/icaridina ha un minore potere irritante per la pelle. È efficace anche contro le zecche. Inoltre sembra che penetri solo in minima quantità attraverso la pelle, e che venga poi eliminata attraverso i reni. È comunque sconsigliato sui bambini di età inferiore ai tre anni.

L’olio di Neem è il più efficace fra i rimedi naturali. È estratto dai semi di una pianta che cresce nei climi tropicali ed è utilizzato dalla medicina ayurvedica da almeno 4000 anni. È utilizzabile anche dai bambini, basta inserirne qualche goccia nelle loro creme e previene i morsi o placa il prurito a danno avvenuto. Insomma è davvero sgradevole per le zanzare, peccato lo sia anche per le nostre narici, il suo odore è davvero cattivo, va quindi diluito e coperto con gli oli essenziali. In vendita si trovano infatti molti prodotti che mischiano Neem (Melia azadirachta in etichetta) e oli essenziali.

Gli oli essenziali, primi fra tutti sono quelli di citronella (Cymbopogon nardus), di eucalipto (Eucaliptus citriodora) e di tea tree (Melaleuca alternifolia). Poi ci sono anche geranio (Pelargonium graveolens), basilico sacro (Ocimum sanctus o Tulsi), cedro (Cedrus atlantica), cajeput (Melaleuca leucadendron o tea tree bianco). Questi prodotti hanno un basso impatto ambientale e una tossicità molto ridotta, ma sono anche meno efficaci. Scegliete quelli che vi piacciono di più e create il vostro profumo. Poi diluiteli in olio di mandorle, al 3-5%. Quindi per un mix al 3% servono 3 g di oli essenziali e 97 g di olio. Se durante la serata vedete che il vostro profumo non basta più aggiungete una goccia di geranio o di tea tree dietro le orecchie, nell’incavo delle braccia e sulle caviglie.

RENDETEVI SGRADITI ALLE ZANZARE

Se non volete esagerare con gli spray, intensificatene l’effetto, diventando il meno attraente della compagnia. Ecco 5 consigli per tenerle alla larga.

Vestitevi di bianco e di colori chiari. È assodato che questi insetti prediligono il nero e il rosso.

Evitate gli alcolici, ci fanno sudare e arricchiscono il nostro sudore di etanolo di cui le zanzare vanno matte

Non agitatevi, con il fiatone si espira molta anidride carbonica, una vera calamita. Le persone sovrappeso ne producono naturalmente molta di più. Una ragione in più per dimagrire.

Lavatevi attentamente prima di uscire, insistendo sui piedi. Sono le nostre colonie di batteri a ad attirarle, specie quelle che si formano attorno alle caviglie.

IL SOLLIEVO DOPO LA PUNTURA

Sono tanti gli oli essenziali che a ponfo avvenuto possono portare sollievo. Alcuni si possono utilizzare puri, come la camomilla blu o la lavanda, altri sono da utilizzare diluiti al 3-5% in gel d’aloe sono invece il tea tree, il basilico o la menta che rinfresca. Efficace contro il prurito è anche il bergamotto, ma come tutti gli oli essenziali di agrumi è fotosensibilizzante e macchia la pelle se subito dopo ci si espone al sole. Altrettanto efficace è l’allume di Rocca, o allume di potassio, quel cristallo che in genere si usa come deodorante: è sufficiente bagnarlo leggermente e strofinarlo sulla puntura. Per i bambini è possibile fare una pomatina a base di ossido di zinco (si compra in farmacia): mettendo due cucchiai di ossido di zinco in una ciotola e aggiungendo olio, quello extravergine di oliva va benissimo perché ha già proprietà lenitive, fino a formare una pappetta abbastanza densa da spalmare sulla pelle.

 

4.7 | 9 voto/i

Strategie antizanzara - Ultima modifica: 2022-07-12T07:43:33+02:00 da Sabina Tavolieri
Strategie antizanzara - Ultima modifica: 2022-07-12T07:43:33+02:00 da Sabina Tavolieri

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome