Conero, promontorio di sapore e tradizioni

5 | 1 voto/i

Una parte dell’Adriatico un po’ nascosta, con rituali e ritmi ben diversi dalla vicina Romagna, in cui cercare silenzio, natura, spiagge isolate e i rustici sapori di un territorio che ci tiene a rimanere unico
Sirolo

Il Parco naturale del Conero, a volerla dire tutta, è realmente un territorio “a parte”. Si trova nelle Marche, è vero, nel bel mezzo dell’Adriatico, ma è come se fosse un luogo a sé, con le sue spiagge inusuali per questo tratto di mare: fatte di piccoli ciottoli e con un fondale ben lungi dall’essere dolcemente digradante. Il Conero è silenzio. È possibilità di contemplare una natura incontaminata; è rocce che si tuffano nel mare e dalla cui sommità è possibile ammirare panorami selvaggi e mozzafiato; è insenature che non hanno nulla a che invidiare alle scogliere più famose di mari lontani. Qui si può riscoprire il silenzio che avvolge e affascina, il silenzio di luoghi storici come Porto Recanati o di rara intensità religiosa come Loreto e la sua famosa basilica. Ma anche il silenzio del mare, visto dall’alto del belvedere di Sirolo.

Cucina di mare ieri e oggi

La cucina tipica del Conero prende spunto e si esalta sia utilizzando i prodotti dell’entroterra sia l’offerta variegata e sontuosa del mare. Il brodetto, ad esempio, è una specialità di pesce con alle spalle una lunga tradizione, realizzata con nove tipi diversi di pesce e che funge da piatto unico. Ogni luogo ha la sua “variante sul tema” a base di ingredienti segreti e trucchi del mestiere. Ad esempio a Porto Recanati si usa la zafferanella, spezia estratta da una pianta locale, lo zafferano selvatico del Conero, che conferisce un sapore particolare e speziato. Famosissimi anche i piatti a base di moscioli, una varietà di cozze selvatiche tipiche della zona di Portonovo: dagli spaghetti alle insalate di mare, questi molluschi riescono ad accontentare anche i palati più esigenti. Da segnalare, qui, il ristorante Da Giacchetti nato nel 1959 grazie ai due fratelli pescatori Aroldo e Dario. Oggi il locale è molto rinomato e continua a proporre i piatti tipici della zona, rivisitati in chiave moderna e creativa. Per una full immersion al “sapore di mare” il ristorante Emilia, con abbinato lo storico stabilimento balneare, offre ai propri ospiti piatti della tradizione locale, come ottimi spaghetti al mosciolo. In certi periodi dell’anno, i proprietari escono a pesca e tornano con sogliole, pannocchie, seppie, cefali, mormore, triglie, testole e sardoncini che diventano gli ingredienti principali dei piatti proposti al ristorante. Più recente, ma di estrema raffinatezza, Il Clandestino, direttamente nella baia di Portonovo, dove lo chef pluristellato Moreno Cedroni offre la sua personalissima interpretazione del sushi che qui non a caso diventa susci. Prima di lasciare questa zona è d’obbligo una tappa al ristorante dell’hotel Fortino Napoleonico unica struttura direttamente ai piedi del Monte Conero dove il pescato quotidiano viene rielaborato secondo le tradizioni locali con il tocco di creatività dello chef.

E la terra non sta a guardare

Chi adora i sapori schietti della terra, ma anche per un pranzo veloce o uno spuntino sostanzioso, ecco la crescia di Offagna un antico borgo medievale dove questa sorta di piadina è una vera e propria istituzione. La versione che riesce a mettere d’accordo tutti? Quella con le foie nostrane: erbe di campo bollite e insaporite in padella con aglio, sale e rosmarino e poi messe in mezzo alla crescia che viene gustata così, calda e fragrante. Molto apprezzati anche altri piatti di terra come i vincisgrassi, ricche lasagne, o il ciauscolo, un salume tipico dell’entroterra marchigiano dalla consistenza spalmabile. Molto buoni anche i paccasassi o finocchi marini, un’erbetta che cresce spontaneamente tra le rocce e accompagna solitamente il pesce, insieme ad aglio e limone. Infine, la lonza di fichi: apparentemente un salame, in realtà si tratta di un dolce a base di fichi secchi, noci, mandorle e mosto cotto. Il tutto viene poi avvolto e conservato in foglie di fico e confezionato così da sembrare un salame, e come tale viene servito affettato. Chiudiamo con il re dei vini locali: il Rosso Conero, realizzato esclusivamente con uve di vitigni posti lungo i pendii del monte Conero, a ridosso del mare. Già i monaci benedettini in alcuni documenti parlano di cure mediche fatte con del vino prodotto da queste uve. Per chi ama i sapori esclusivi ricordiamo che esiste anche una versione di Rosso Conero con visciole, ciliegie di produzione locale, molto aromatiche.

Vini, olio e…

Tracciare un percorso ideale alla scoperta del Conero è difficile. A meno che lo si ipotizzi come un sentiero virtuale capace di toccare gli agriturismi e le località più rappresentative del territorio. Partiamo da Ancona e ci avviciniamo al Parco con l’agriturismo Il Rustico del Conero: 30 ettari occupati da un bosco di piante autoctone e tartufigene, uliveti e frutteti. A Montacuto incontriamo l’Azienda agricola Moroder, dove la certificazione biologica per i vini è stata ottenuta nel 2011 e dove si producono anche grappe e olio extravergine d’oliva. Sempre per rimanere in tema di vini eccellenti, ma anche di aceti pregiati, segnaliamo l’Azienda Rosso Conero specializzata nella produzione di Rosso Conero Doc, Conero Docg, Marche Rosato Igt, aceto biologico e sapa (o mosto cotto, condimento dolciastro molto versatile in cucina e tipico di queste zone). E, infine, non poteva mancare l’Hotel Monte Conero: un’ex abbazia camaldolese del 1100 situata sul monte a 550 m di altezza a picco sul mare, con una terrazza panoramica e completamente isolata nel bosco.

Appunti di viaggio per turisti di gusto

Info generali: www.rivieradelconero.info

Ristorante Da Giachetti Località Portonovo 171 (AN) Tel. 071801384

Ristorante Emilia Baia di Portonovo (AN) Tel. 071801109

Il Clandestino Susci Bar Località Poggio - Portonovo (AN) Tel. 071801422

Ristorante Hotel Fortino Napoleonico Località Poggio - Portonovo (AN) Tel. 071801450

Il Rustico del Conero (agriturismo) Fraz. Varano, 199 – Ancona Tel. 3392991608

Azienda agricola Moroder Frazione Montacuto 121 - 60129 (AN) Tel. 071/898232

Azienda Agricola Oriano Mercante (Rosso Conero) Via Loretana 190 - Camerano (AN) Tel. 071732050

Hotel Monte Conero Via Monteconero 26 - Sirolo (AN) Tel. 0719330592

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome