Biscotti & Co.
Le Dame Golose


È nata al Lido di Venezia una nuova microimpresa alimentare domestica di pasticceria, in particolare biscotti, dall’intrigante nome di “Le Dame Golose – Pasticceria Artigianale di Caterina”

Golosa novità al Lido di Venezia, è nata la nuova microimpresa alimentare domestica registrata alla Camera di Commercio e notificata all'ASL competente, dal nome "Le Dame Golose – Pasticceria Artigianale di Caterina", pensata, fortissimamente voluta e infine creata dalla veneziana Caterina Falomo.

Dopo una laurea in Scienze della Comunicazione, molti anni da addetta stampa libera professionista, e dopo ben quattordici anni a Roma, dove ha frequentato numerosi corsi di pasticceria tra cui uno professionale, Caterina è tornata a vivere a Venezia e ha deciso che era arrivato il momento di percorrere anche una nuova strada.

Biscotti Lindotti

Prepara prevalentemente biscotti e ha ideato delle linee particolari: i veneziani, biscotti che si ispirano alla tradizione dolciaria lagunare, ma anche creati per omaggiare la sua città, tra cui i "Lidotti", un biscottino di frolla che rappresenta il Lido, una striscia di terra sospesa tra laguna e mare; i pastafrollini, in cui è racchiusa tutta la fantasia che le appartiene e da cui nasceranno altre forme e nuove idee; gli speciali, biscotti più ricercati, per chi ama ad esempio il cioccolato e il sale o il cocco; le eccellenze dal mondo, ovvero biscotti come i cookies con gocce di cioccolato e gli speculoos e infine altri dolcetti che non potevano mancare come ad esempio le meringhe e le madeleine.

Ingredienti ricercati, come la farina Tenerum, una miscela di grani teneri nazionali, della linea Le Farine di Leonardo, nate dall’incontro tra il Molino Bertolo, in provincia di Treviso, e il maestro pasticcere Leonardo di Carlo, campione del mondo, e come il burro di origine belga, uno tra i migliori per la pasticceria.

Info:
Le Dame Golose
Via Doge Michiel, 14
Lido di Venezia
Tel. 3468513723

 

 

 

Le Dame Golose - Ultima modifica: 2019-03-20T15:08:43+00:00 da Sabina Tavolieri

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome