Come utilizzare il frigorifero
Frigo e freezer sempre in ordine


Quali alimenti possiamo refrigerare e congelare? Come disporli nei vari ripiani? Ecco un utile vademecum per mantenere in ordine e sempre fresche le provviste. Per imparare a sprecare meno e mangiare meglio

Ogni cibo al posto giusto! Ecco alcune semplici regole per tenere in ordine il frigorifero e il freezer mettendo gli alimenti al posto giusto.

  • Latticini (panna, burro, yogurt, formaggi), dolci, sughi e salse, tutti i cibi che riportano la dicitura “conservare in frigo dopo l’apertura” possono stare nella parte centrale; qui si

    mettono anche gli avanzi e gli alimenti già cotti, da posizionare in frigorifero solo una volta raffreddati, per evitare un rapido innalzamento della temperatura.

  • Le uova hanno il loro spazio dedicato, così come succhi, latte, marmellate e salse, nel comparto dello sportello: questa è la parte meno fredda del frigo, perciò è destinata

    a ciò che non deperisce velocemente.

  • Il ripiano più in basso, di solito sopra il cassetto per le verdure, è il più fresco: qui vanno gli alimenti che deperiscono facilmente, come pesce e carne crudi, affettati

    compresi.

  • Tutti gli avanzi, sia cotti che crudi (tipo pasta o macedonia) vanno riposti in frigo in appositi contenitori ben chiusi. Così si conservano meglio e non assorbono o rilasciano

    sgraditi odori.

  • In ultimo ci sono i cassettoni dedicati a frutta e ortaggi: prima di riporre qui i cibi vegetali, è meglio lavarli e asciugarli bene, e avvolgere la verdura a foglia in un canovaccio per conservarla più a lungo.

Da non mettere in frigo

I frutti tropicali, come ad esempio banana e avocado, soffrono le basse temperature quando sono ancora acerbi. Una volta maturi, possono essere messi in frigorifero per aumentarne la conservabilità. Il caffè assorbe gli odori, quindi in frigo perderebbe il suo aroma, così come i pomodori che, per maturare e diventare saporiti, hanno bisogno di un luogo a temperatura ambiente. Le patate devono stare al buio e lontano dall’umidità e mai in frigo.

Freezer: come utilizzarlo

Se si dispone di un congelatore a cassetti, si può destinare ogni scomparto a una diversa categoria di cibo, come carne, pesce, verdure, piatti già cotti, in modo da tenere tutto in ordine.
Carne e pesce vanno posti nel congelatore freschissimi (il pesce già pulito ed eviscerato), e conservati in sacchetti alimentari o contenitori ermetici. È meglio, inoltre, posizionare gli alimenti vicino alla pareti, più fredde, e non al centro; buona norma è anche lasciare un po’ di spazio tra un contenitore e l’altro, e non riempire troppo il freezer, perché altrimenti si rallenterebbe il processo di congelamento.
I tempi di conservazione?
I pesci grassi come tonno e salmone 3 mesi, 6 mesi gli altri. Per la carne, 6 mesi il manzo, gli altri tipi più a lungo, anche 10. Carne, pesce e verdure sono i cibi che più spesso vengono congelati, ma non ci sono controindicazioni a congelare cibi già cotti.
Gli alimenti che non amano il congelatore sono, invece, uova, latte e panna, affettati, frutta e verdura ricchi di acqua (come pomodoro o cocomero).
Per scongelare non è bene far passare i cibi dal freezer alla temperatura ambiente o addirittura metterli sul calorifero per scongelarli prima. L’ideale è posizionarli in frigo la sera e utilizzarli il giorno dopo oppure cuocerli ancora congelati.

Abbinamenti sconsigliati

La regola numero 1, per motivi di igiene, è quella di tenere separati i cibi che si possono consumare crudi da quelli che invece vanno cotti, ad esempio carne e formaggi o ortaggi: se vengono posti sullo stesso ripiano, meglio conservarli ciascuno in un contenitore apposito. Anche le uova, per evitare contaminazioni, andrebbero lasciate nella loro confezione.

 

 


Frigo e freezer sempre in ordine - Ultima modifica: 2020-09-21T08:03:18+02:00 da Redazione
Frigo e freezer sempre in ordine - Ultima modifica: 2020-09-21T08:03:18+02:00 da Redazione

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome