Viaggio bio in Valtellina
Valtellina: sci, natura e sapori


Meta di buongustai, sciatori e amanti della natura, le montagne della Valtellina sono ideali per passare un week end in tutto relax facendosi coccolare dai buoni sapori della tradizione, vini compresi

Il nostro itinerario alla scoperta della Valtellina inizia, paradossalmente, con un “viaggio”. Eletto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, non poteva infatti mancare fra le principali attrazioni di questa zona il tour a bordo del famoso Trenino Rosso del Bernina, che, con partenza da Tirano, città nel cuore della Valtellina, offre scorci e viste mozzafiato, inerpicandosi su versanti scoscesi e addentrandosi fin nel territorio elvetico. Decisamente “alternativo” ed interessante anche il Tour dei mulini per scoprire, e riscoprire, alcune delle attività produttive di questo territorio, fondamentali per moltissime eccellenze gastronomiche locali, basti pensare ai pizzoccheri. Suggeriamo dunque la visita del Mulino Moro di Bottonera, a Chiavenna, ora trasformato in un museo, oppure del Mulino del Dosso a Rasura: costruito nel 1836 e tuttora funzionante. Gli amanti dell’artigianato locale, alla ricerca di pezzi unici e tradizionali, possono fare visita ad alcuni dei laboratori dove si utilizza la pietra ollare per creare manufatti tipici e vedere come nascono i lavècc (pentole di diverse dimensioni) o gli stüin (pentole per cuocere stufati) oppure i fùràgn (per conservare formaggi, burro o lardo). Uno dei laboratori più celebri? Quello di Roberto Lucchinetti, La pietra ollare, a Prosto di Piuro, all’interno del quale è possibile organizzare delle vere e proprie visite guidate alla scoperta di arte e tradizione.

Una questione di eccellenze

Valtellina è oggi più che mai sinonimo di piatti di grande spessore capaci di appagare anche i palati più esigenti: vini Docg ottenuti da uve selezionate, specialità come il Bitto Dop e il Valtellina Casera Dop, ma anche i pizzoccheri di grano saraceno e il miele. E la bresaola: uno dei prodotti tipici della Valtellina conosciuto e apprezzato in tutto il mondo e oggi sempre più spesso proposta in versione bio. Oltre alla bresaola, all’azienda agricola Pedranzini a Bormio, si producono e si vendono i formaggi bitto, scimudin e il golosissimo yogurt. Chi, oltre a uno shopping “mirato”, vuole dedicarsi anche a trattamenti di benessere a base di cosmetici realizzati con ingredienti prodotti in azienda (come il latte di mucca o il vino) troverà nell’agriturismo La Fiorida, a Mantello, proposte davvero uniche. Mentre chi vuole regalarsi una cena (o un pranzo) davvero esclusiva, sempre all’interno de La Fiorida, può recarsi al ristorante La Presef (una stella Michelin) dove gli chef Gianni Tarabini e Franco Aliberti stupiscono gli ospiti con una cucina in cui i piatti della tradizione vengono rivisitati in una chiave moderna e di eccellenza assoluta. Noi siamo rimasti incantati dall’uovo di selva con crema di ricotta e miele di castagno e dal riso “profondo blu” con cavolo cappuccio.

Tradizione, innovazione e rispetto per l’ambiente

Continuando nella nostra ricerca di piatti e prodotti della tradizione valtellinese, ad Ardenno, all’agriturismo Le Case dei Baff troviamo una vasta scelta di formaggi e salumi locali di produzione propria o a Km0. Nata sui resti di un antico mulino, questa struttura offre un’ospitalità calda e confortevole e un menu ricco nei sapori e armonioso negli accostamenti. Da provare, abbinato ai piatti rustici qui offerti, il vino Il Principino, prodotto utilizzando le uve Nebbiolo dei vigneti che circondano la struttura. Chi ama le atmosfere semplici, ma chic tipiche degli alberghi di montagna più esclusivi, senza tuttavia rinunciare al rispetto dell’ambiente, al Bio Hotel Villa Cecilia, bed and breakfast nell’incantevole Livigno, potrà farsi viziare da colazioni biologiche, a base di torte fatte in casa, marmellate casalinghe e pane appena sfornato, ideali per iniziare meglio la giornata. Gli appassionati dei wine tour, invece, dovrebbero organizzarsi per passare a Tresivio da Amedeo Moretti e visitare la sua azienda agricola dove vengono coltivate biologicamente mele, uva, bacche di goji. Oppure visitare l’Officina della Terra, a Berbenno, dove, oltre al vino, si possono gustare i ciukat, biscotti vegani alle mandorle, oppure acquistare i pizzoccheri e l’olio extravergine d’oliva bio prodotto in zona. Infine, la casa vinicola Marcel Zanolari: meta ambita di numerosi appassionati. Nata negli anni ‘80, fu tra le prime aziende locali a non utilizzare pesticidi e di recente ha compiuto un ulteriore passo verso un tipo di agricoltura più sostenibile divenendo biodinamica. I vini di punta sono sicuramente il Nebbiolo, il Pinot Nero, ma anche il Cabernet Sauvignon, il Pinot Bianco, il Riesling e il Traminer. Infine, una chicca per chi desidera respirare un’atmosfera valtellinese doc: all’agriturismo Rini, a Bormio, è possibile acquistare formaggi, burro, salumi e miele realizzati ancora seguendo l’antica tradizione contadina, per ottenere prodotti dal sapore unico proprio “come una volta”.

Appunti di viaggio per turisti di gusto

Az. Agr. Pedranzini Via del Fieno 1 Bormio (SO) Tel. 0342901919

Az. Agr. La Fiorida Via Lungo Adda 23016 Mantello (SO) Tel. 0342680846

Ristorante La Presef c/o La Fiorida Tel. 0342680846

Az. Agr. Le Case dei Baff via dei Mulini 19 - Ardenno (SO) Tel. 0342661045

Bio Hotel Villa Cecilia Via Sant’Antoni 86 Livigno (SO) Tel. 0342996487

Az. Agr. Amedeo Moretti Via degli Alpini Tresivio (SO)

Az. Agr. L’Officina della Terra Via Pedemonte 425 Berbenno di Valtellina (SO) Tel. 3357377032

Casa vinicola Marcel Zanolari Via Teglio 6/10 - Bianzone (SO) Tel. +41 818443434

Agriturismo Rini Via P. Rini 2, Bormio (SO) Tel. 0342901224

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here