Pasta per torte
Torte salate e dolci


La torta è sempre una bella sorpresa e offre anche il vantaggio di recuperare per il ripieno ingredienti avanzati con aggiunta di uova, formaggio ed erbe aromatiche

“La pasta non mi è riuscita bene”, è la classica frase di scuse nei confronti dei propri ospiti quando si trovano alle prese con un pezzetto di torta che non riescono a tagliare o mordere. Ovviamente le motivazioni della non riuscita possono essere molte, un impasto troppo compatto, oppure una cottura veloce. La pasta che qui proponiamo come “universale” si adatta bene sia alle preparazioni salate sia a quelle dolci; inoltre è croccante e friabile e soprattutto semplice da preparare. A seconda delle esigenze dietetiche di ciascuno, con o senza grassi animali, si consigliano alcune varianti alla ricetta base, e per gli amanti del dolce un impasto con una piccola quantità di zucchero di canna (pasta tipo frolla). Entrambi questi due tipi di pasta si prestano a essere conservati per 3 giorni in frigorifero e molti di più nel congelatore. Quando li preparate conviene abbondare con le dosi e suddividere la pasta eccedente in panetti già pronti per l’uso da porre nel congelatore.

Pasta “universale”

Adatta per la preparazione di torte salate e dolci. Nelle dosi indicate si prepara una base per uno stampo di 26 cm di diametro con bordo di 2 cm. Se si vuole ottenere anche un coperchio per la torta o decorare la crostata con le caratteristiche striscioline dentellate, si consiglia di raddoppiare e aumentare di na volta e mezzo le dosi.

Classica integrale

Ingredienti: 300 g di farina integrale o semi integrale, 100 g di burro, un pizzico di lievito al cremortartaro, un pizzico di sale.
Fate la fontana con la farina, unite il sale, la punta di un cucchiaino di lievito al cremortartaro e il burro a pezzetti. Versate l’acqua a piccole dosi sull’impasto per legare gli ingredienti. Amalgamate e lavorate rapidamente il tutto, quindi formate con la pasta una palla liscia e omogenea. Riponete l’impasto mezz’ora in frigorifero prima di stenderlo a sfoglia (spessa circa 5 millimetri) con l’aiuto di un matterello.

Varianti
Se non volete usare grassi animali, sostituite il burro con 4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva.

Pasta “frolla”

Un pizzico di lievito al cremortartaro differenzia questo impasto dalla più comune pasta frolla. Il lievito è utilizzato unicamente per rendere più soffice l’impasto integrale. Per tale ragione si consiglia di stendere la sfoglia piuttosto sottile perché in cottura la crosta acquista il giusto spessore.

Classica

Ingredienti: 300 g di farina integrale o semi integrale, 50 g di zucchero di canna grezzo, 100 g di burro, 1 tuorlo d’uovo, scorza di limone, 1/3 di bustina di lievito cremortartaro, un pizzico di sale.
Con un cucchiaio di legno mescolate bene il burro (ammorbidito a temperatura ambiente) con lo zucchero. Quando il composto sarà liscio e omogeneo unite il tuorlo, la scorza di limone grattugiata, il sale, la farina, il lievito. Mescolate bene, ma rapidamente, fino a ottenere un panetto omogeneo, che farete riposare per circa mezz’ora, in frigorifero, prima di fare la sfoglia. Qualora fosse necessario, amalgamate gli ingredienti con un po’ d’acqua.

Varianti
Per una versione più leggera potete dimezzare la quantità di burro.

Ecco qualche delizioso consiglio per utilizzare questi tipi di pasta.

Torta di riso
Difficoltà: Media
Preparazione: 20 minuti
Cottura: 60 minuti
Ricetta di Cristina Michieli

Quiche di cipollotti
Difficoltà: Media
Preparazione: 45 minuti
Cottura: 40 minuti
Ricetta di Piera Gatti

Crostata chiusa di albicocche alla toscana
Difficoltà: Media
Preparazione: 50 minuti
Cottura: 35 minuti
Ricetta di Anna Cipriani

Crostata integrale ai pomodori
Difficoltà: Media
Preparazione: 45 minuti
Cottura: 30 minuti
Ricetta di Giuliana Lomazzi

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here