I single, soprattutto donne, consumano più bio


Uno studio realizzato intervistando 400 coppie e 180 single

I single che vivono in città, superiori a 50mila abitanti (in tutto in Italia sono circa otto milioni) – si legge su “Distribuzione Moderna -  spendono il 20% in più di coppie o nuclei familiari per il cibo biologico e la spesa sale ulteriormente se si considera la fascia di età 30–50 anni: lo rivela uno studio dell’agenzia di comunicazione Klaus Davi and company che ha realizzato uno “Speciale Sana” dedicato all’universo del cibo bio con un’inchiesta tra i principali brand.

Lo studio ha preso in esame oltre 400 coppie e 180 single a cui sono state rivolte domande sulle loro abitudini alimentari. È risultato che i single, soprattutto donne, spendono anche il 30% in più delle coppie in alimenti biologici. Non sempre, però, la motivazione è da ricollegare al salutismo: per la maggioranza l’attenzione alla qualità è la motivazione principale, ma c’è chi lo fa perché “è una moda” (22%) o perché consigliato da amici o amiche (15%). Un 23% dichiara, invece, di acquistare cibi biologici per “coccolare e gratificare il proprio corpo” mentre un 17% è convinto che siano “prodotti più controllati”. L'analisi sottolinea che fra i single sono le donne a trainare i consumi bio, “contagiando” anche le madri e quindi le famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here