Senza glutine


Chi è affetto da celiachia non può assumere glutine nemmeno in minime quantità. È un disturbo che riguarda un numero notevole di persone, centinaia di migliaia in Italia; gli esperti stimano, comunque, che ve ne siano molte di più non ancora coscienti della propria condizione. In genere la diagnosi avviene nel corso dell’infanzia, ma non è raro che questa intolleranza alimentare sia scoperta in età adulta. L’unica cura è una dieta da seguire per tutta la vita

Editore: Tecniche Nuove
Pagine: 128
Formato: 14,3x21 cm
Anno: 2007
Prezzo: 8,90 euro

Chi è affetto da celiachia non può assumere glutine nemmeno in minime quantità. È un disturbo che riguarda un numero notevole di persone, centinaia di migliaia in Italia; gli esperti stimano, comunque, che ve ne siano molte di più non ancora coscienti della propria condizione. In genere la diagnosi avviene nel corso dell’infanzia, ma non è raro che questa intolleranza alimentare sia scoperta in età adulta.
L’unica cura è una dieta da seguire per tutta la vita. Cosa semplice da un lato (non occorrono farmaci), ma difficile se si pensa che il glutine è presente in quasi tutti i cereali, in particolare in quelli più usati: grano, orzo, farro. Per fortuna vi sono anche numerosi cereali o similari che non contengono glutine, in particolare il riso, il mais e il grano saraceno.
In questa seconda edizione lo chef autore del libro si è ingegnato a proporre ricette gustose e innovative, di preferenza vegetariane e con una buona scelta di dolci, utilizzando tutti gli alimenti base che per natura sono privi di glutine.

Il testo è realizzato in collaborazione con AIC (Associazione Italiana Celiachia)
Le ricette sono state riviste dalla dottoressa Rossella Valmarana, dietista.

Gli autori

Nicola Michieletto
Nicola Michieletto è chef, ha insegnato in numerosi corsi di alimentazione naturale, è docente ai corsi professionali per cuochi, è consulente per la refezione scolastica e collabora con distributori di alimenti biologici. È autore di altre pubblicazioni specializzate. Con Tecniche Nuove ha pubblicato nel 2007 Senza glutine.
Monica Negroni
Monica Negroni, laureata in Scienza delle preparazioni alimentari è da anni redattrice della rivista Cucina Naturale

Leggeri pizzocheri alle verdure

Preparazione: 20’ Cottura: 25’
Difficoltà: media Costo: medio
vegetariano, senza glutine
Ingredienti per 4 persone:
Per l’impasto dei pizzocheri:
100 g di farina di mais fioretto,
100 g di amido di mais,
100 g di farina di grano saraceno,
2 uova intere.
Per il condimento:
100 g di cavolo verza,
100 g di carote,
100 g di sedano,
200 g di patate,
15 g di aglio tritato,
50 g di prezzemolo tritato,
100 g di parmigiano grattugiato,
150 g di formaggio bitto,
80 g di ricotta affumicata,
30 g di olio extravergine d’oliva.
1. In un recipiente disporre le farine a fontana e versare nel mezzo le uova e un pizzico di sale. Impastare e contemporaneamente unire l’acqua fino a ottenere un impasto omogeneo e morbido.
2. Tirare la sfoglia a medio spessore (fin quando non si rompe), arrotolarla e tagliarla nella forma classica dei pizzocheri.
3. In una pentola portare a ebollizione abbondante acqua. Salare e unire le verdure (verza, carote, sedano, patate) precedentemente pulite e tagliate a cubetti.
4. Cuocerle per 15 minuti quindi versare i pizzocheri. Cuocere per altri 4 minuti e scolare il tutto.
5. Versare i pizzocheri in una teglia da forno, aggiungere il parmigiano, la ricotta affumicata, l’aglio, il prezzemolo, l’olio extravergine d’oliva, il bitto e mescolare.
6. Infornare per 5 minuti a 200°C. Togliere dal forno, spolverare di prezzemolo tritato e servirli caldi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here