Cucina Naturale di febbraio: carciofi, legumi e Carnevale!


Calde zuppe, in versioni adatte a ogni esigenza (vegana, light, senza glutine); una colorata bavarese di ortaggi con le brillanti tinte del Carnevale; eleganti geometrie e colori nel nostro raffinato “piatto unico”… ma i protagonisti del mese sono loro, i carciofi

Calde zuppe, in versioni adatte a ogni esigenza (vegana, light, senza glutine); una colorata bavarese di ortaggi con le brillanti tinte del Carnevale; eleganti geometrie e colori nel nostro raffinato “piatto unico”… ma i protagonisti del mese sono loro, i carciofi: coriacei fuori, teneri dentro, saporiti sempre. Le Ricette di stagione propongono numerosi piatti a base di carciofi per le diverse portate mentre in Tutti a tavola potete scoprire che cosa li rende un ortaggio così salutare. Il servizio delle Mediterranee è tutto dedicato ai legumi, in ricette nuove e tradizionali, mentre i più golosi avranno di che sbizzarrirsi con le ricette a base di pasta brisè, salata e dolce, e con i tanti dolcetti della Cucina veloce da proporre nelle feste dei bambini. E poi la Scuola di cucina sul malto, la dieta settimanale, in questo numero particolarmente adatta al periodo in invernale e molto altro ancora!

Cucina Naturale è disponibile in edicola (a 3,40 euro) o in abbonamento nella tradizionale versione cartacea. O in PDF, sempre a 3,40 euro, per una comoda e immediata lettura e archiviazione su Pc.

In edicola dal 28 gennaio, a richiesta, con il numero di febbraio di Cucina Naturale e, successivamente, in libreria, la guida:

Guida ai Vini d'Italia Bio 2014

di Pierpaolo Rastelli

Il libro

La Guida ai Vini Bio 2014 è il più completo e aggiornato vademecum per districarsi nel sempre più fitto mondo dei vini ottenuti da agricoltura biologica e biodinamica prodotti esclusivamente da aziende certificate. La diciasettesima edizione recensisce 619 vini provenienti da 185 cantine, puntualmente descritti nelle loro caratteristiche organolettiche. Tra questi 113 vini hanno ottenuto una particolare menzione per il loro alto profilo organolettico: a condurre la speciale graduatoria la Toscana con ben 38 allori, seguita dai 13 dalle Marche. Poco lontano il Veneto con 10. Subito dietro si piazza la Provincia Autonoma di Bolzano con 7. Piemonte, Abruzzo e Emilia Romagna arrivano a 6 mentre la Sicilia raccoglie 5 eccellenze. Alta qualità è stata evidenziata anche da Campania e Puglia.

L'autore
Pierpaolo Rastelli
Da dodici anni autore di questa guida, collabora alle principali pubblicazioni edite dal Gambero Rosso tra le quali Vini d'Italia, Berebene Low Cost. E' responsabile del settore vino sul mensile Cucina Naturale e critico gastronomico per la Guida ai Ristoranti d'Italia de L'Espresso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here