Tradizionali e con un pizzico di novità, i ravioli non possono mancare sulle vostre tavole soprattutto nei giorni di festa. Si ma… fatti da voi! Eccovi perciò le istruzioni per ottenere risultati perfetti e le nostre ricette con sfoglie saporite, farce di verdure, legumi o pesce, condite con salse insolite e di effetto.

Ricette: Ravioli di castagne e nocciole con funghi - Ravioli di magro con salsa semplice di cernia - Ravioli di magro - Ravioli di faraona al pesto di tartufo nero - Ravioli di catalogna al limone

Si avvicina il periodo trionfale della paste ripiene. Quindi vi proponiamo impasti e farce di diverso tipo, che vi faranno fare ottima figura

Dalle farine al piatto

•    Impasti morbidi
Disponete la farina (o più farine miscelate) a fontana, versando al centro i restanti ingredienti, e procedete raccogliendo inizialmente la farina solo dall’interno e inglobando la restante dopo aver formato una prima pastella densa. Lavorate la pasta per almeno una decina di minuti per ottenere un impasto liscio, omogeneo ed elastico. Una volta pronto,    avvolgete l’impasto con un panno umido per evitare che secchi e lasciatelo riposare circa un’ora. Gli impasti per le paste ripiene devono risultare morbidi e umidi per far aderire bene i bordi dei ravioli ed evitare che si “scollino” durante la cottura. Perciò, se la pasta vi sembra asciutta, inumidite bene i bordi prima di sigillarli.
•    La densità del ripieno
Attenzione a non preparare un composto troppo umido, rischiando così di rompere i ravioli o farli attaccare al vassoio. Per evitarlo, è consigliabile lasciare raffreddare completamente iI ripieno per facilitare la completa eliminazione del vapore e ottenendo così una farcia più compatta. In caso di farce poco consistenti, potete rinforzarle incorporando un po’ di mollica sbriciolata o di pangrattato, oppure patate farinose lessate e ridotte a purè.
•    Conservarli ad arte
Potete lasciare per qualche ora (ma controllate che non secchino) i ravioli, ricoperti da un panno leggermente umido, stesi in un vassoio e cosparsi con un velo di farina (preferibilmente di riso che poi si stacca facilmente e trattiene l’umido). Se desiderate congelarli, infilate direttamente il vassoio con i ravioli nel freezer fino al completo  Indurimento, quindi trasferiteli nei sacchetti per alimenti e conservateli nel congelatore per uno-due mesi al massimo.
•    Cuocerli senza sorprese
Lessateli con delicatezza in acqua abbondante e già salata per un tempo medio di 5 minuti, a seconda dello spessore della pasta e del tipo di ripieno. Scolateli preferibilmente con una schiumarola per non rischiare di romperli e distribuiteli direttamente nei piatti.
•    I condimenti? Semplici
Nelle paste ripiene il condimento è il tocco finale che non deve nascondere il sapore della pasta. Perciò in molti casi i ravioli si accompagnano con burro od olio scaldati leggermente insieme con un’erba aromatica come salvia, rosmarino, maggiorana, santoreggia, erba cipollina, menta e timo. In caso di preparazioni più elaborate, vanno invece bene condimenti più ricchi.

Ecco alcune ricette gustose, scegliete la ricetta che più vi ispira!

Ravioli di castagne e nocciole con funghi
Difficoltà: Difficile
Preparazione: 45 minuti
Cottura: 35 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Ravioli di magro con salsa semplice di cernia
Difficoltà: Difficile
Preparazione: 55 minuti
Cottura: 40 minuti
Ricetta di Giuseppe Capano

Ravioli di magro
Difficoltà: Facile
Preparazione: 60 minuti
Cottura: 5 minuti
Ricetta di Carla Barzanò

Ravioli di faraona al pesto di tartufo nero
Difficoltà: Difficile
Preparazione: 75 minuti
Cottura: 60 minuti
Ricetta di Walter e Gisella Eynard

Ravioli di catalogna al limone
Difficoltà: Difficile
Preparazione: 110 minuti
Cottura: 14 minuti
Ricetta di Paolo Pancotti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here