Potrebbero uccidere anche gli uccelli, non solo le api


Lo afferma uno studio statunitense commissionato dall’American Bird Conservancy che ha preso in esame l’effetto che può fare sugli uccelli mangiare i semi impregnati con queste sostanze chimiche

In questi mesi abbiamo parlato spesso dei pesticidi neonicotinoidi, l’ultima quando il Comitato permanente europeo per la catena alimentare e la salute animale ha bloccato l’approvazione della proposta della Commissione europea di sospendere l’uso di queste sostanze chimiche nella Comunità. A riportare l’attenzione su questa classe di pesticidi è un articolo dell’Aiab (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica)  che riferisce di uno studio commissionato dall’American Bird Conservancy nel quale si valuta più in profondità l'impatto dei pesticidi neonicotinoidi sulla catena alimentare e le sue conclusioni sono preoccupanti.
Il lavoro – dal titolo “L'impatto sugli uccelli degli insetticidi più utilizzati negli Usa” - recensisce duecento studi sugli effetti dei neonicotinoidi e trova che la “persistenza, solubilità, tossicità e mobilità dei pesticidi costituiscono una minaccia unica, in particolare per gli ecosistemi acquatici, dove il deflusso agricolo può causare danni permanenti alle popolazioni acquatiche di invertebrati e di tutti gli organismi che dipendono da loro per il cibo”.
Il rapporto accusa poi l’Agenzia per la protezione ambientale (Epa) di avere semplicemente ignorato le prove di tossicità dei neonicotinoidi per gli uccelli e i piccoli mammiferi, creature note per mangiare i semi appena piantati, anche quelli pieni di pesticidi.
"Di particolare interesse per gli uccelli – sottolinea invece lo studio - sono quei composti che vengono utilizzati come trattamento delle sementi, come appunto i neonicotinoidi,  soprattutto imidacloprid, clothianidin, thiamethoxam e acetamiprid che sono assorbiti dalle radici di una pianta e poi circolano al suo interno.  I semi non sono mai interamente coperti dal terreno e ciò li rende facili da trovare per gli uccelli. Molte specie poi hanno la capacità di raschiare e scavare per trovare il seme piantato. Il trattamento delle sementi si tradurrà in una situazione di elevata esposizione per gli uccelli”.

Clicca qui per maggiori informazioni e per scaricare il Pdf dello studio integrale in inglese

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here