Se avete voglia di gustarvi una fumante tazzina di caffè, anche d’orzo o decaffeinato, con in più il profumo e il sapore di qualche spezia o il retrogusto morbido del cacao, provate queste ricette, ideali per coccolarsi un po’

Il caffè è una bevanda conosciuta e consumata ovunque nel mondo, che si ottiene a partire dai semi di una pianta tropicale, le cui specie più diffuse sono l’arabica e la robusta. Incerto è il suo luogo di origine, si ipotizza l’Etiopia, come anche i Paesi arabi, dove era conosciuto e consumato sin dai tempi antichi. La diffusione in Europa è avvenuta solo a partire dal XVI secolo. L’abitudine di aromatizzare il caffè è molto diffusa in particolare nei Paesi nordafricani, in cui le spezie sono protagoniste in tutta la cucina. Da noi, i caffè aromatizzati sono spesso miscele scadenti, ottenute con aromi chimici. Impariamo allora, partendo dalla qualità di caffè che preferiamo, ad aggiungervi profumi e gusti in più, con metodi semplici e naturali.

Scegliere la miscela giusta

La prima cosa da fare è mettere a punto una miscela che incontri il nostro gusto. Come dicevamo, esistono fondamentalmente due tipologie di caffè: l’arabica, più delicata e aromatica, e la robusta che ha invece un gusto più intenso. Per la loro complementarietà, le due varietà vengono spesso miscelate. L’arabica apporta la metà della caffeina rispetto alla robusta, ma chi la deve proprio evitare può optare per il decaffeinato: in questo caso, è ancora più importante sceglierlo biologico, perché la certificazione garantisce che durante la produzione non vengano usati solventi chimici di cui possano rimanere residui nel prodotto finito. Altra alternativa è scegliere miscele a base di orzo, cicoria o cereali tostati, alimenti naturalmente privi di caffeina.

Come aromatizzare

Una volta scelta la miscela di caffè o la bevanda preferita, potete passare all’aromatizzazione. Diversi sono i metodi per farlo. Spezie e aromi possono essere inseriti direttamente nel filtro della moka o immersi nel caffè macinato per un certo periodo, in modo che questo ne assorba le essenze. La parte oleosa del caffè, infatti, è in grado di inglobare le sostanze volatili e quindi l’aroma intenso delle spezie. Da provare è anche l’abbinamento con il cacao, che dona rotondità e un tocco goloso a caffè o orzo, perfetto per miscele solubili.

Caffè in moka al cardamomo
Ingredienti per una moka da 4 persone: 3 capsule di cardamomo, miscela di caffè per moka.
Schiacciate le capsule in modo da estrarre i semi neri. Preparate il caffè con la moka, come d’abitudine, aggiungendo nel filtro anche i semi. In alternativa, potete porne pochi sul fondo di ogni bicchiere o tazzina, versandovi sopra il caffè bollente e facendo riposare qualche istante, in modo che si aromatizzi bene. I semi tenderanno a restare sul fondo della tazza.

Orzo all’anice

Ingredienti per 100 g di orzo macinato: 100 g di orzo torrefatto e macinato, 15 g di semi di anice.
Pestate i semi di anice in un mortaio, in modo da ottenere una polvere fine. Miscelatela all’orzo e fate riposare il tutto per almeno tre giorni, in un barattolo chiuso ermeticamente, mescolando di tanto in tanto, in modo da amalgamare bene tutta la componente aromatica. Preparate il caffè d’orzo nella moka o nell’orziera, come di consueto, versatelo in una tazzina o tazza grande e dolcificate a piacere con zucchero di canna o miele.

Caffè di cereali goloso
Ingredienti per circa 120 g di caffè ai cereali in polvere: 100 g di caffè ai cereali solubile, 2 cucchiai di cacao amaro in polvere, 1 stecca di vaniglia .
Miscelate bene il caffè al cacao. Mettete il tutto in un barattolo, insieme alla stecca di vaniglia. Eliminate, dopo circa una settimana, la vaniglia e consumate la miscela preparandola a vostra scelta con acqua, latte caldo o bevande vegetali.

Caffè speziato all’arancia

Ingredienti per circa 100 g di caffè macinato: 100 g di caffè per moka o espresso, 1 stecca di cannella, 3 chiodi di garofano, 1 seme di anice stellato, ½ cucchiaino di noce moscata, 1 cucchiaino di zenzero in polvere, 1 pezzetto di scorza d’arancia essiccata.
Pestate grossolanamente cannella, chiodi di garofano, anice, in un mortaio, unite noce moscata e zenzero in polvere e la scorza d’arancia, e ponete la miscela in un pezzetto di garza o stoffa sottile, che richiuderete a sacchetto. Versate metà della miscela di caffè in un barattolo, aggiungete il sacchetto con le spezie e ricoprite col caffè restante. Lasciate il sacchetto di spezie immerso nel caffè per almeno una settimana, poi eliminatelo e preparate il caffè nel solito modo. Aumentando il tempo di permanenza delle spezie nel caffè in polvere o variando la tipologia di spezie o la loro quantità, otterrete un risultato più o meno aromatico.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome