Legambiente nel Parco della biodiversità e arriverà sul “Treno verde 2015”


Tra le novità legate alla partecipazione all’Expo gli Ambasciatori del Territorio e il “Progetto Conversione” che ha l’obiettivo di aumentare in Italia le produzioni biologiche dal 9% al 20% della superficie agricola entro il 2020

Anche Legambiente sarà presente all'interno del Parco della Biodiversità, l'area tematica di EXPO 2015 dedicata alla biodiversità agraria e all'agricoltura biologica frutto dell'accordo tra BolognaFiere ed EXPO.Ne da notizia un Comunicato stampa. Nel cuore del Parco, il  Padiglione del Biologico e del Naturale realizzato grazie alla collaborazione con FederBio, Legambiente sarà presente con un programma di iniziative ed eventi, che prende il via con la partenza del “Treno Verde 2015”.  Il viaggio lungo la Penisola, è partito da Roma il 18 febbraio, e farà tappa in 15 città italiane e che raggiungerà EXPO, è dedicato ai temi che animeranno il Parco della Biodiversità e in particolare il Padiglione del Biologico e del Naturale: agricoltura sostenibile e sana, riavvicinamento alla terra e ai suoi cicli naturali, nuovi modelli di economia e di sviluppo, nuovi stili di vita che già sono realtà e segnano la strada verso le scelte migliori per la nostra salute e quella del Pianeta.
In particolare Legambiente, all'interno del Padiglione del Biologico e del Naturale, realizzerà corsi sui green jobs e l’autoproduzione e laboratori didattici sull’agricoltura sociale. In programma anche 3 grandi eventi:
- la rassegna dei prodotti tipici dei comuni delle 5 vele di Legambiente: i comuni marini e lacustri che si sono contraddistinti per pratiche sostenibili di gestione territoriale
- la rassegna dei vini biologici e biodinamici con l’assegnazione dell’oscar 2015
- l’assemblea nazionale degli “Ambasciatori del territorio” individuati durante il viaggio del Treno Verde 2015  da Legambiente e Alce Nero: agricoltori, imprese agricole, esperienze locali che producono agroalimentare nel rispetto del patrimonio ambientale, sociale e culturale dei loro territori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here