La scritta “Contiene Ogm” obbligatoria nello stato del Vermont


La legge è motivata dal fatto che gli OGM comportano dei rischi potenziali per la salute, la sicurezza, l’ambiente e l’agricoltura. Si annunciano iniziative dell’industria agroalimentare per fare revocare il provvedimento

Dal 1° luglio 2016, nel Vermont gli alimenti contenenti ingredienti geneticamente modificati in quantità superiore allo 0,9% del peso  totale del prodotto avranno l’indicazione in etichetta e non potranno definirsi “naturali”. Lo stabilisce una legge appena approvata con 114 voti a favore e 30 contro, che fa del Vermont il primo tra gli Stati Uniti d’America ad adottare questa misura. Ne dà notizia un articolo de “Il fatto naturale”. http://www.ilfattoalimentare.it/vermont-e-ogm-etichetta.html

Nella relazione che accompagna la normativa del Vermont si spiega che l’obbligo di etichettatura è motivato dal fatto che gli OGM pongono dei rischi potenziali per la salute, la sicurezza, l’ambiente e l’agricoltura, dal momento che non c’è consenso scientifico sulla loro innocuità e che i loro effetti non sono mai stati oggetto di uno studio epidemiologico a lungo termine.
La legge del Vermont prevede la costituzione di un fondo fino a 1,5 milioni di dollari, a cui i cittadini possono contribuire volontariamente, per sostenere le spese della controversia legale che nascerà dal probabile ricorso in tribunale dell’industria, secondo la quale la Food and Drug Administration (FDA) è l’unica autorità competente a stabilire se un ingrediente geneticamente modificato può essere dannoso per la salute e se debba essere indicato in etichetta. L’industria chiede anche una legge federale, che vieti ai singoli Stati di legiferare in materia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here