La cucina del solleone


Un alimentazione corretta aiuta a proteggere la pelle e, più in generale, l’organismo, dai danni del sole. Ecco alcuni consigli utili e delle ricette fresche e gustose per favorire l’abbronzatura

Prendere il sole fa bene: le radiazioni solari non sono soltanto dannose ma possono migliorare l’umore stimolando le ghiandole surrenali, regolare i ritmi ormonali e la pressione sanguigna, stimolare la sintesi di vitamina D, tanto preziosa per la salute delle ossa e dei denti. Tutto questo a patto di non esagerare e di proteggere l’organismo dai danni di un’esposizione eccessiva. Uno dei pericoli maggiori è quello della disidratazione: il caldo e il sole accelerano la perdita di acqua e minerali perché la sudorazione è indispensabile per abbassare la temperatura corporea ed evitare il surriscaldamento. La disidratazione può avere effetti negativi anche sull’aspetto della pelle. La sua componente idrica è importante per garantirle turgore, morbidezza, resistenza ed elasticità; una pelle non idratata può diventare ruvida, fragile, rilassata e tendente alla rugosità. L’eccesso di esposizione al sole poi stimola la pelle a proteggersi producendo una maggiore quantità di cheratina, portando all’ispessimento dello strato corneo (ipercheratosi) che può raddoppiare nell’arco di pochi giorni dalla prima esposizione. Insomma, meglio accontentarsi di una tintarella moderata e graduale, quanto basta per diventare più sexy, altrimenti si rischia di assomigliare a un pezzo di cuoio vecchio…

Combattere i radicali liberi

degli effetti più rilevanti della sovraesposizione al sole è l’aumento dei radicali liberi, piccole “bombe biologiche” che, danneggiano le funzioni cellulari con reazioni ossidative, accelerano i processi d’invecchiamento dei tessuti. La pelle dei fanatici dell’abbronzatura è solitamente segnata da un fitto intrico di rughe; ma i danni provocati dai radicali liberi non si limitano all’aspetto estetico. Queste sostanze aumentano il rischio di contrarre infezioni, infiammazioni, malattie cardiovascolari, tumori. Per tenerli sotto controllo è importante consumare alimenti ricchi di sostanze antiossidanti come i carotenoidi (il betacarotene, tra l’altro, favorisce la formazione di melanina, il pigmento che “abbronza” la pelle), flavonoidi, antociani, catechine, vitamina C, vitamina E, selenio e zinco. Ma un’alimentazione “protettiva solare” dovrebbe anche fornire sali minerali come il potassio e il sodio per ristabilire l’equilibrio idro-salino, grassi “sani” come i monoinsaturi, i polinsaturi e gli omega 3 (che aiutano la pelle a rimanere elastica), e vitamine del gruppo B (indispensabili per il metabolismo cutaneo).
In parole povere, bisogna consumare molta frutta e verdura colorata (arancione, rossa, violetta o verde scura), pesce azzurro, cereali integrali, semi oleosi e come condimenti usare olio extravergine d’oliva o olio di sesamo spremuto a freddo (si trova nei negozi di alimenti biologici) e sale marino integrale. Da non dimenticare l’aumento del fabbisogno idrico: una delle bevande migliori per l’estate è il tè verde, ricchissimo di catechine antiossidanti e di sali minerali.

Tintarella in sicurezza

Per prendere il sole senza rischi si dovrebbero seguire alcune semplici regole:
•    Nelle due o tre settimane precedenti la prima esposizione al sole, integrare la propria dieta con alimenti ricchi di betacarotene e di sostanze antiossidanti.
•    Non esporsi al sole tra le 11 e le 15.
•    Abituare gradualmente la pelle al sole (10 minuti il primo giorno, 20 il secondo e così via).
•    Dosare l’esposizione in base alla sensibilità e al colore della propria pelle.
•    Usare prodotti solari con un fattore di protezione elevato (almeno nei primi giorni).

Un'alga per abbronzarsi senza rischi

La Spirulina platensis è una microalga verde-azzurra conosciuta comunemente come "spirulina". Spontanea in alcuni laghi con acque particolarmente alcaline. Essiccata e trasformata in polvere o compresse, la spirulina si usa come integratore alimentare perché è ricchissima di betacarotene, oltre che di vitamine del gruppo B, proteine nobili, sali alimentari e oligoelementi. Il suo contenuto di betacarotene la rende perfetta per fornire all'organismo una protezione contro i radicali liberi e per favorire la sintesi di melanina, il pigmento che conferisce il colore scuro alla pelle proteggendola dai danni del sole. I sali minerali di quest'alga preziosa aiutano a ristabilire l'equilibrio idro-salino di tutto l'organismo.

Crema di yogurt alla spirulina con peperoni e cetrioli
Ingredienti per 6 persone
250 ml di yogurt intero, 200 g di formaggio fresco di capra, 1 cucchiaio di spirulina in polvere, 2 cetrioli, 1 peperone rosso, 2 cucchiai di olio extravergine d’olive, 1 spicchio d’aglio, 1 cucchiaino di semi di finocchio, 1 ciuffo di aneto fresco, foglie di menta fresca, sale marino integrale

Mescolate lo yogurt, il formaggio di capra, la spirulina, 1 cucchiaio di olio, l’aglio finemente tritato, i semi di finocchio, l’aneto e la menta tritati. Amalgamate il tutto. Tagliate il peperone a cubetti. Sbucciate i cetrioli e tagliatene uno a cubetti. Tagliate l’altro cetriolo a filettini e unitelo alla crema di yogurt. Regolate di sale e versate in una terrina larga e bassa. Decorate con i cubetti di peperone e cetriolo, e con qualche foglia di menta. Condite con l’olio extravergine d’oliva rimasto versato a filo.

Alici e carote al vapore con maionese aromatica alla curcuma

Ingredienti per 4 persone
500 g di alici, 4 carote, 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva, 1 ciuffo di maggiorana fresca. Per la maionese: 1 uovo, 1 bicchiere d’olio extravergine d’oliva, succo di 1 limone, ½ spicchio d’aglio, 1 cucchiaino di curcuma, ½ cucchiaino di semi di cumino, 1 ciuffetto di prezzemolo, sale marino integrale.

Pulite e sfilettate le alici, raschiate le carote e tagliatele a bastoncino. Disponete le alici su un piatto da portata rotondo con i bordi alti. Versate 1 dito d’acqua in una teglia rotonda più grande del piatto che contiene le alici; appoggiate quest’ultimo all’interno della teglia facendo attenzione che l’acqua rimanga al di sotto del bordo del piatto. Coprite, portate a ebollizione e fate cuocere per 2 minuti, quindi estraete il piatto dalla teglia. Lavate e pulite le carote e cuocetele a vapore lasciandole piuttosto croccanti, disponetele sopra le alici, guarnite con la maggiorana spezzettata e irrorate con 1 cucchiaio d’olio. Passate ora a preparare la maionese: versate l’uovo intero nel bicchiere del frullatore, aggiungete l’aglio, la curcuma, il cumino, il prezzemolo, il sale e il succo di limone; azionate il frullatore per qualche secondo, quindi cominciate ad aggiungere l’olio poco alla volta. Continuate a frullare e aggiungere l’olio fino a ottenere una salsa non troppo densa. Versate la maionese in una saliera e servite insieme alle alici e alle carote.

Macedonia di albicocche con noci brasiliane

Ingredienti per 4 persone
800 g di albicocche, 8 noci brasiliane, 2 cucchiai di miele, 1 cucchiaino di cannella in polvere, il succo di mezzo limone, foglioline di menta fresca.

Lavate le albicocche, asciugatele e dividetele a metà eliminando il nocciolo. Sgusciate le noci e tritatele grossolanamente. Mescolate il miele con il succo di limone e la cannella. Irrorate le albicocche con la salsina al miele e guarnitele con le noci e la menta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here