Home Tarassaco o dente di leone

Tarassaco o dente di leone

Le foglie verdi e fresche del tarassaco sono utilizzate in maniera istintiva da tutti gli animali selvatici del bosco tipico mediterraneo (lepri, conigli selvatici, caprioli, daini) quando hanno malattie dell’apparato digerente o sono intossicati. Un controllo sperimentale, realizzato dalla facoltà di scienze forestali di Firenze, ha confermato l’osservazione naturalistica.

Acquisto

Pianta diffusissima nei campi, è però da evitare la raccolta spontanea se c’è rischio di inquinamento, in quanto è una delle erbe che assorbe maggiormente piombo. In questo periodo si può trovare anche in vendita, come cespo verde, ‘immaturo’, senza fiori. Le foglie devono essere umide al tatto, integre, senza macchie brune, in particolare lungo la parte chiara centrale, che dal momento indicherebbero un lungo tempo trascorso dalla raccolta.

Proprietà

Contiene oltre ai salutari flavonoidi, ottime quantità di vitamina A, B1, B2 e C. Depurativo, disintossicante, diuretico. Ideale per le diete primaverili, sia ipocaloriche che per eliminare tossine. Stimola delicatamente la produzione di bile, aiutando fegato e intestino nelle difficoltà digestive.

Tarassaco o dente di leone

Tutte le ricette con Tarassaco o dente di leone

Crespelle ripiene di formaggio e tarassaco

Ricetta vegetariana Difficoltà: Media 10 minuti 15 minuti

Crudité di stagione ai semi di girasole

Ricetta vegetarianaSenza glutineSenza latte e derivati Difficoltà: Facile 30 minuti 7 minuti

Panzerotti al gorgonzola con tarassaco

Ricetta vegetariana Difficoltà: Facile 15 minuti 25 minuti
css.php