News: ecco quanto mangia di più chi non dorme


Problemi di insonnia? Fate attenzione perché durante il giorno potreste mangiare circa 400 calorie di troppo (equivalenti a un piatto di pasta, tanto per avere un'idea). Il detto inglese "Early to bed, early to rise, makes a man healthy and wise" (ossia, andare a letto presto e alzarsi presto rende l'uomo sano e saggio) sembra trovare una sostanziosa conferma da questo articolo appena pubblicato sull'European Journal of Clinical Nutrition, che ha combinato i risultati di 11 studi (ma i lavori esaminati sono stati di più) per un totale di 172 partecipanti. I ricercatori del King College di Londra, autori della ricerca,  hanno accettato gli studi che mettevano a confronto i diversi intake calorici di 2 gruppi. Il primo era composto da persone che avevano subito una parziale deprivazione del sonno (dormendo tra le tre e mezzo e le cinque ore e mezza a notte) , mentre il secondo gruppo era di soggetti che avevano dormito almeno 7 ore o più. Ebbene, i risultati hanno mostrato che i "cattivi dormitori" assumevano in media 385 calorie in più rispetto al solito, mostrando una netta predilezione verso i cibi grassi, un calo nell'apporto di cibi proteici e un comportamento invariato nei confronti dei carboidrati. Le ragioni per queste scelte potrebbero essere una maggiore attivazione delle aree del cervello associate con il bisogno di gratificarsi in modo rapido con il cibo, ma anche un'alterazione dell'orologio biologico con conseguente perdita di equilibrio degli ormoni che regolano l'appetito e la sazietà, ossia grelina e leptina. Insomma,  nulla di  grave se le notti agitate sono sporadiche, ma se queste diventano la normalità l'effetto sul peso può diventare uno sgradito effetto collaterale. Meglio saperlo e, magari, seguire le indicazioni di questo utile articolo sui cibi del buon sonno può già essere il primo passo…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome