Dimagrire meglio a giorni alterni


Tutti noi quando decidiamo di dimagrire, siano due o venti chili, vorremmo farlo in tempi rapidissimi dimenticando che il dimagramento migliore è quello graduale, di qualche etto a settimana, che permette di consumare le scorte di grasso e di salvaguardare il più possibile la muscolatura (per ogni kg perso, il 30% circa è di muscolo). “Mettersi a stecchetto” perciò non è la strategia migliore, ed è anche molto stressante per corpo e psiche. Inoltre, le diete ipocaloriche severe fanno perdere peso nel primo periodo ma poi a un certo punto l’ago della bilancia si blocca. Una delle ragioni per cui ciò accade è che il nostro organismo si abitua a funzionare con meno calorie e, per mantenere una condizione di equilibrio, abbassa le sue richieste. Ovvero, riduce la spesa energetica per il metabolismo basale.

Per evitare la riduzione del metabolismo (avete presente le donne che sono perennemente a dieta?) è meglio dimagrire senza che il corpo se ne accorga troppo. Un buon modo per provarci è quello di alternare durante la settimana dei giorni particolarmente leggeri, ricchi di alimenti vegetali e liquidi, con giorni normali, nei quali comunque seguire un’alimentazione sana e senza eccessi. Potete provare a  iniziare con un giorno solo, preferibilmente durante il fine settimana, per sperimentare e personalizzare le vostre giornate light. Una volta rodati, potrete inserire due-tre giornate a settimana, preferibilmente due giorni feriali e uno festivo (ad esempio, martedì, giovedì e domenica). Un perfetto esempio di ricetta light e liquida è la crema di carote allo zenzero della foto.

Se però cercate idee per ispirarvi per i vostri menu primaverili e dietetici, vi suggerisco di andare a guardare lo schema settimanale a 2 velocità che alterna, appunto, giornate più o meno leggere.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome