Bloccata truffa con sostanza pericolosa ai danni del biologico


L’operazione portata a termine dalla Guardia di Finanza su segnalazione di FederBio

La Federazione italiana agricoltura biologica e biodinamica (FederBio), che dal 2013 ha attivato un gruppo di lavoro specifico per i mezzi tecnici ammessi in biologico e ha fra i propri soci IBMA Italia-ASSOMETAB (associazione di imprese che producono prodotti per la difesa, coadiuvanti, fertilizzanti e corroboranti utilizzabili in agricoltura biologica) – si legge in un comunicato stampa della Federazione - ha avuto un ruolo attivo nel dare avvio all’operazione “Mela Stregata” condotta dai militari della Guardia di finanza del Nucleo di polizia tributaria di Cagliari e dell'Ispettorato repressione frodi (ICQRF) che ha portato al sequestro di finti concimi contenenti il principio attivo “matrina”, che ha in realtà efficacia come pesticida ma non è fra quelli ammessi in agricoltura biologica pur se di derivazione naturale. Il principio attivo, estratto da una pianta di origine asiatica, non è registrato come pesticida secondo la legislazione europea e nazionale nemmeno per l’agricoltura convenzionale ma nonostante questo i prodotti della ditta ICAS sono stati maggiormente impiegati proprio su questo tipo di colture.
“La nostra Federazione che rappresenta tutto il comparto del bio italiano - spiega il Presidente di FederBio Paolo Carnemolla - ha l’obiettivo di tutelare tutti gli operatori onesti che fanno crescere un settore strategico per l’agroalimentare italiano. Le segnalazioni e le attività che la federazione porta avanti per evitare che realtà disoneste inquinino il settore fanno parte di questa nostra missione e riguarda tutti gli ambiti di possibile frode. Siamo quindi molto soddisfatti quando, come in questo caso, è possibile una collaborazione fattiva con le Autorità competenti che consenta di risolvere in tempi ragionevoli una situazione delicata non solo per il mondo del bio ma più in generale per l’agricoltura italiana, fiore all’occhiello del Made in Italy in tutto il mondo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here