Aumenta la contaminazione da pesticidi delle acque italiane


I dati rilevati dall’Ispra nel 2010: nel 55,1% dei 1.297 punti di campionamento delle acque  superficiali e nel  28,2% dei 2.324 punti di quelle sotterranee sono stati trovati residui di pesticidi; il 13,2% delle acque superficiali mostra livelli di tossicità per gli organismi acquatici superiori ai limiti

Secondo il "Rapporto Nazionale Pesticidi nelle Acque 2013" curato dall’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) è ancora più evidente, rispetto al passato, lo stato di contaminazione delle acque italiane superficiali e sotterranee: nel 2010 sono stati rinvenuti residui nel 55,1% dei 1.297 punti di campionamento delle acque  superficiali e nel 28,2% dei 2.324 punti di quelle sotterranee, per un totale di 166 tipologie di pesticidi -  a fronte dei 118 del biennio 2007-2008 - individuati nella rete di controllo ambienta le delle acque italiane. Si tratta, per la maggior parte, di residui di prodotti fito sanitari usati in agricoltura  - solo in questo campo si  utilizzano circa 350 sostanze diverse per un quantitativo superiore a 140.000 tonnellate - ma anche di biocidi  (pesticidi per uso non agricolo) impiegati in vari campi di attività. Anche se spesso basse, le concentrazioni indicano a livello complessivo una diffusa saione molto ampia della contaminazione.  Inoltre, nel 34,4% dei punti delle acque superficiali e nel 12,3% dei punti di quelle sotterrane i livelli misurati sono superiori ai limiti delle acque potabili. Le concentrazioni sono state confrontate anche con i limiti di qualità ambientale, recentemente introdotti, basati sulla tossicità delle sostanze per gli organismi acquatici.  In questo caso il 13,2% dei punti delle acque superficiali e il 7,9% di quelli delle acque sotterranee hanno concentrazioni superiori al limite.
Questa in estrema sintesi la situazione descritta in un comunicato stampa dell’ISPRA che presenta il “Rapporto Nazionale Pesticidi nelle Acque 2013”, realizzato  dall’Istituto sulla base delle informazioni fornite dalle Regioni e dalle Agenzie regionali e provinciali per la  protezione dell’ambiente.

Il Rapporto Nazionale Pesticidi nelle Acque 2013 è disponibile sul sito dell’ISPRA 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here